"Giugno fasanese”, 350 figuranti in corteo per “La Scamiciata”

  • Dove
    piazza Ciaia
    Indirizzo non disponibile
    Fasano
  • Quando
    Dal 22/06/2015 al 22/06/2015
    18.30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

FASANO - Tra storia, folklore, cultura e suoni del Mediterraneo, sabato 20 giugno, a partire dalle 18.30 si snoderà per le vie principali di Fasano il corteo storico “La Scamiciata” con i suoi oltre 300 figuranti in costumi d’epoca a rievocare la vittoria dei Fasanesi sui Turchi invasori nella battaglia del 2 giugno 1678. A seguire, intorno alle 21.30, in piazza Ciaia si terrà lo spettacolo “Ritmi e suoni del Mediterraneo”, con i gruppi di musica popolare, etnica e folk “Vajichki” di Straldzha (Bulgaria), “Sannio Antico” di Casalduni (in provincia di Benevento), “Zompa Cardillo” di Montemarano (in provincia di Avellino). Gli appuntamenti rientrano nella programmazione del “Giugno fasanese”, messa a punto dall’omonimo comitato con il patrocinio del Comune di Fasano e della Regione Puglia.

 Al corteo locale de “La Scamiciata” si affiancheranno rappresentanze dei cortei storici ospiti di Fasano: “Pistonieri Archibugeri di s. Maria del Rovo” di Cava dei Tirreni (in provincia di Salerno); “Nundinae” di Gravina (in provincia di Bari); “Aquavivae ab Aragonia” di Conversano (in provincia di Bari), “La Battaglia tra Turchi e Cristiani” di Tollo (in provincia di Chieti), “Il Corteo del Balì Carafa di Putignano” (in provincia di Bari). Il corteo verrà osservato in prima fila da due coppie di turisti scelte tra gli ospiti delle locali strutture alberghiere.

La Scamiciata. Sono 350 i figuranti in costume col Banditore che precede il corteo ed invita il popolo alle solenni celebrazioni per ricordare il valore dei “padri”. Segue la drammatizzazione della battaglia: la rabbia dei vinti e l’esultanza dei vincitori affascinano lo spettatore, che si vede coinvolto continuamente nella rappresentazione del dramma attraverso l’intero percorso del corteo. Sfileranno, a seguire, lo stendardo dell’Universitas (come veniva definita Fasano a quei tempi) e la dama con le chiavi della città, i dignitari, i rappresentanti delle famiglie nobili con i propri stemmi; poi, la bandiera del Baliaggio di Santo Stefano (di cui faceva parte Fasano) precederà la carrozza del luogotenente Fra’ Zurlo da Crema, accompagnato dal sindaco Pompeo Mignozza; la bandiera del Balì di Malta (Fasano è stata sotto la dominazione dell’Ordine di Malta per circa 500 anni); Fra’ Brancaccio precederà la sua carrozza, il tutto seguito dal popolo in festa. Poi, ecco il capo dei Turchi che viene scortato da armigeri e precede gli “scamiciati” (i fasanesi che vinsero la battaglia) i quali, gioendo del fortunato esito, tra canti e balli della tradizione pugliese e napoletana, circondano il carro che ricorda il trionfo, una grande barca su cui gli “scamiciati” issano i labari dei santi patroni di Fasano, la Madonna di Pozzo Faceto, san Giovanni Battista e santo Stefano Protomartire. La sfilata di sabato seguirà un percorso ben preciso: viale della Resistenza (dov’è prevista la partenza alle 18.30), via F.lli Rosselli, viale De Gasperi, via Nazionale dei Trulli, viale della Resistenza (l’ultimo tratto), le vie San Francesco, Piave, Cenci, corso Vittorio Emanuele, le vie Egnazia e Roma, corso Garibaldi, piazza Ciaia.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Manifestazioni, potrebbe interessarti

  • Variegato programma di iniziative natalizie a Fasano

    • dal 4 dicembre 2019 al 6 gennaio 2020

I più visti

  • Il teatro è servito: la programmazione del Kopò

    • dal 12 ottobre 2019 al 10 maggio 2020
    • Teatro Kopó Brindisi
  • Ritorna il posto delle favole al teatro comunale di Ceglie Messapica

    • dal 27 ottobre 2019 al 8 marzo 2020
    • Teatro comunale
  • Al Verdi arriva “Dracula” interpretato dai due grandi del teatro Rubini e Lo Cascio

    • 10 dicembre 2019
    • Nuovo Teatro Verdi
  • Tour di spettacoli a Brindisi con il Performing Arts Festival, prima edizione

    • dal 28 novembre 2019 al 26 aprile 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento