L'azienda "Lu Spada" presenta la nuova linea di vini con una cena degustazione

Martedì prossimo (18 dicembre), a partire dalle ore 20,30, presso la Vineria n.01 a Francavilla Fontana, in via Regina Elena 21, verrà presentata la nuova linea di vini dell’azienda agricola “Lu Spada”. L’evento comprende una cena degustazione con salumi e formaggi d’eccellenza in abbinamento con le varie tipologie di vino.

I vini della Tenuta Lu Spada nascono dalle uve prodotte nei propri vigneti alle porte di Brindisi, città il cui territorio e’ storicamente “terra di 2cd875f0-d302-4caf-a8fa-20cb0a6aac2f-2vini”. Terra dalla tradizione enoica antichissima la cui origine risale ai tempi dei messapi e dei greci prima e dei romani dopo. Orazio e Plinio il Vecchio già nel 30 a.C. dissertavano, nei propri scritti, sul vino di Brindisi. La composizione calcarea e argillosa dei propri terreni, le particolari condizioni atmosferiche, la vicinanza al mare e all’oasi faunistica e naturalistica del Cillarese, consentono di ottenere uve di alta qualità che danno vita a vini eleganti, ricchi di profumi, corposi, moderni e indissolubilmente legati al territorio.

La varietà e l’antichita’ di vitigni autoctoni quali il negroamaro, il susumaniello, la malvasia nera e bianca, hanno fatto di Brindisi un territorio vocato alla vitivinicoltura. Sono testimonianze: l’antichita’ dei vitigni di brindisi ; la presenza nei dintorni della città dei resti di fornaci che producevano le anfore vinarie con cui le navi, partendo dal porto, trasportavano, per tutto il mediterraneo, il vino di brindisi; il ritrovamento di monete romane coniate a Brindisi con impresse scene di uva e di vino; la più recente economia cittadina risalente alla metà del XIX che fece di Brindisi, dopo la crisi della vitivinicoltura francese, la capitale vitivinicola europea.

Questa tradizione vitivinicola e la caratteristica del territorio ha consentito a Brindisi, tra l’altro, di ottenere una Doc a proprio nome. La Tenuta Lu Spada, ricorrendo a pratiche innovative, è impegnata con passione a recuperare e a valorizzare i vitigni autoctoni del territorio e con l’intento di salvaguardare la biodiversità circostante, coltiva le proprie viti in biologico.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Incontri, potrebbe interessarti

I più visti

  •  “Latinissima”: le danze caraibiche sbarcano sul lungomare di Brindisi

    • dal 4 luglio al 25 agosto 2019
    • Lungomare Regina Margherita
  • La storia del paese e della gente di San Vito in una mostra fotografica

    • Gratis
    • dal 6 agosto 2018 al 2 settembre 2019
    • Chiesa di San Giovanni
  • Un ricco programma per l'estate di San Michele Salentino

    • dal 4 luglio al 22 agosto 2019
  • Francesco De Gregori a Fasano, unica tappa in Puglia

    • Gratis
    • 21 luglio 2019
    • piazza Ciaia
Torna su
BrindisiReport è in caricamento