"La Shoah nelle carte": una mostra nella Biblioteca Arcivescovile "De Leo"

L’obiettivo è raccontare, attraverso i documenti, la declinazione locale di eventi di portata nazionale ed europea

BRINDISI - In occasione della commemorazione del "Giorno della Memoria", che si celebra il 27 gennaio, la Biblioteca Pubblica Arcivescovile "A. De Leo", offre alla città un ricordo della Shoah attraverso l’esposizione di preziose carte del proprio "Archivio/Biblioteca”. La mostra, dal titolo: "La Shoah nelle carte" sarà allestita nella sala studio della biblioteca, in piazza Duomo 11, e sarà visitabile da lunedì 27 a giovedì 30 gennaio, con accesso libero e gratuito negli orari di apertura della biblioteca (8-13 e 15-18), con una visita guidata lunedì 27 gennaio alle ore 18.30.

Si celebra il 27 gennaio, il "Giorno della memoria", per ricordare le vittime della Shoah, ma anche l’abbattimento dei cancelli di Auschwitz e la liberazione del più grande campo di sterminio nazista, avvenuta nel 1945. Sono trascorsi quindi più di settanta anni dal giorno in cui la Prima armata del Fronte ucraino fece il suo ingresso sotto la famigerata scritta Arbei macht frei, in una giornata che cambiò la storia del Novecento e la percezione dei crimini del regime nazista.
L’Italia, che ha istituito il "Giorno della memoria" nel 2000, ricorda lo sterminio del popolo ebraico ma anche più direttamente la persecuzione degli ebrei italiani, una pagina di storia che non può essere dimenticata e che inevitabilmente richiama le responsabilità nostrane sulle disonorevoli leggi razziali.

L’obiettivo della mostra è raccontare, attraverso i documenti, la declinazione locale di eventi di portata nazionale ed europea: la propaganda e la legislazione razzista del fascismo insieme alla successiva deportazione degli ebrei nei campi di concentramento nazisti. Saranno esposti documenti dai fondi della biblioteca e dell'archivio storico diocesano, oltre a numeri de “La Difesa della razza”, articoli tratti dai quotidiani locali, libri dell'epoca: testimonianze preziose per sottolineare una quotidianità spezzata dalle leggi antiebraiche e da una burocrazia che criminalizzò la diversità e perseguitò vite umane. La narrazione attraverso carte ben poco conosciute di una delle pieghe più brutte della storia.


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Flacone di amuchina a prezzo quintuplicato: nei guai un commerciante

  • Coronavirus: primo caso positivo al test in Puglia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento