Il Teatrodellepietre con "Terramare" nel Chiostro di S.Benedetto

Giunge a conclusione il 28 aprile la prima edizione della rassegna "Voci, Luci & Ombre" realizzata dal Teatrodellepietre con il sostegno di Enel, Arcidiocesi di Brindisi, Comune di Brindisi e Associazione Maria Cristina Convegno di Brindisi. Dopo la Cattedrale, la chiesa del Cristo e la cripta della chiesa di Santa Lucia, il quarto ed ultimo appuntamento sarà in un altro luogo incantevole di Brindisi, il chiostro di San Benedetto, nel cuore della città, con lo spettacolo "Terramare: nel Sud dei santi, poeti e leggende".

L'affabulazione e il silenzio, la musica e soprattutto la parola: questi gli ingredienti che hanno caratterizzato gli appuntamenti che hanno visto il Teatrodellepietre, compagnia brindisina guidata da Marcantonio Gallo e Fabrizio Cito in prima linea nell'offerta culturale di Brindisi, in queste quattro insolite location che grazie a don Adriano Miglietta e don Rocco Ivone sono state "prestate" per diventare sfondo di un allestimento teatrale.

Il Teatrodellepietre da anni promuove infatti il Teatro dei Luoghi, allestendo i propri spettacoli in location inusuali, in cui l'architettura del luogo che la ospita diventa l'architettura della performance stessa. Un teatro fatto con le idee quindi, che rinuncia alla famosa quarta parete per scendere direttamente in mezzo al pubblico.

In "Terramare: nel Sud dei santi, poeti e leggende" la narrazione e la poesia diventano il mezzo per raccontare una nera favola del sud. La terra è quella aspra del meridione. In un'epoca in cui la natura di certi amori è inconfessabile, le credenze ataviche e le erbe miracolose o fatali, gli uomini e le donne di Terramare attendono scalzi.

Tutto comincia in una notte di temporale e senza luce, in un tempo sospeso e scuro come il sonno, rallentato dalla luce delle candele. Con la complicità dell'oscurità tutti si disperdono mescolando i desideri, in una notte che cambierà il destino di ognuno degli abitanti di Terramare.

Ispirata ad una leggenda che ancora oggi viene narrata e tramandata nell'entroterra pugliese, la storia prende forma di radiodramma e vede gli attori narrare e agire come fantasmi che evocano un passato che nessuno vuole ricordare, voci e corpi che tassello dopo tassello danno vita ad una narrazione che ricorda gli sceneggiati del passato.  Nella fantasia popolare si riflettono pagine di storia e pagine d'amore e fatti che ripensati con poetica barocca generano un ambiguo racconto per voci sole che si scioglie in nerissima storia corale.

"Terramare": radiodramma ambientato nel Sud dei Santi, Poeti e Leggende. Andato in onda la prima volta nell'aprile del 1954. Personaggi creati da Giuseppe Polidori, adattati da Marcantonio Gallo e Fabrizio Cito. In scena Marcantonio Gallo, Giampiera Di Monte, Sara Palizzotto, Stefania Savarese, Davide Scalera e Mario Faggiano (chitarra e voce) , costumi di Angelo Antelmi , fotografie di Danilo Fornaro (ingresso con prenotazione, per informazioni 327.3928001).

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...



Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Potrebbe Interessarti

    • La sorella di Belen a Villa Castelli

      • Gratis
      • 20 maggio 2017
      • piazza Municipio
    • Al "Braico" lo Sport Village, con le vecchie glorie della Serie C

      • dal 1 giugno 2018 al 1 agosto 2014
      • parco Cesare Braico
    • “Tutto è compiuto”, al Don Bosco in scena la Passione

      • dal 8 aprile 2018 al 8 aprile 2017
      • Teatro don Bosco

    I più visti

    • La sorella di Belen a Villa Castelli

      • Gratis
      • 20 maggio 2017
      • piazza Municipio
    • Al "Braico" lo Sport Village, con le vecchie glorie della Serie C

      • dal 1 giugno 2018 al 1 agosto 2014
      • parco Cesare Braico
    • “Tutto è compiuto”, al Don Bosco in scena la Passione

      • dal 8 aprile 2018 al 8 aprile 2017
      • Teatro don Bosco
    • “Apriti mare”, a Lecce la prima mostra dell'artista sampietrana Melinda Massaro

      • dal 30 aprile al 14 maggio 2017
      • Fondazione Palmieri
    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento