Violenza sulle donne: al Nervegna in scena "Un'altra Pelle", tratto da una storia vera

  • Dove
    Indirizzo non disponibile
  • Quando
    Dal 21/02/2020 al 21/02/2020
    dalle 17.30
  • Prezzo
    Prezzo non disponibile
  • Altre Informazioni

BRINDISI - In seguito all’adesione al Progetto sociale culturale “Diffondiamo la Convenzione di Istanbul” che si propone di prevenire la violenza sulle donne, il convegno di Cultura Maria Cristina di Savoia di Brindisi organizza, in collaborazione con Arcidiocesi di Brindisi, Comune di Brindisi e Teatro delle Pietre, il 21 febbraio 2020, alle ore 17.30, presso Palazzo Granafei Nervegna, una serata volta a sensibilizzare l’opinione pubblica, che ha come tema centrale la violenza sulle donne.

Andrà in scena, infatti, “Un’altra Pelle”, uno spettacolo teatrale di Marcantonio Gallo e Fabrizio Cito, che vede in scena lo stesso Gallo insieme a Sara Palizzotto.  Interverrà la dott.ssa Aloisia Lamberti, Presidente del Convegno di Cultura Maria Cristina di Savoia di Brindisi e Delegata Regionale per la Puglia, che, dopo i saluti, focalizzerà, nel suo intervento, il tema della serata. La Convenzione di Istanbul è il primo strumento internazionale giuridicamente completo per proteggere le donne contro qualsiasi forma di violenza, specialmente quelle domestiche e verso i bambini. Seguirà, quindi, la performance del Teatro delle Pietre di Marcantonio Gallo e Fabrizio Cito. Presenterà la serata, la giornalista Anna Consales. 

Lo spettacolo “Un’altra Pelle” racconta la vera storia di Suad, giovane donna della Cisgiordania condannata a morte dalla propria famiglia. Unica colpa: essere rimasta incinta, dell’uomo che ha promesso di sposarla, prima del matrimonio.
“Si tratta di una produzione del TeatrodellePietre che molta fortuna ha portato al nostro gruppo teatrale” spiega il direttore artistico della compagnia teatrale Teatrodellepietre.
“Essendoci imbattuti casualmente nella drammatica storia di una donna dei paesi musulmani” spiega una nota “ci siamo accorti di quanto le storie di donne, anche in Italia, si somiglino quando a deciderne le sorti sono uomini violenti che in nome dell'onore, della gelosia e dell'amore uccidono sentendosi nel giusto”.
Le cronache ci raccontano di femminicidi quasi quotidianamente, svelandoci le tristi storie di donne vittime della legge degli uomini, schiave di padri-padroni o mariti-aguzzini. Ancora oggi il delitto d’onore è diffuso e in alcuni stati del mondo arabo vi sono leggi che lo depenalizzano.
"Un'altra Pelle" ha segnato il debutto ufficiale della compagnia teatrale Tdp Temporary Theatre nell'ambito della XII Settimana della Cultura in Puglia nel 2010 ed offre lo spunto per una riflessione sulla condizione della donna in generale, in cui risuonano le voci di tutte le donne del mondo. In scena un regista, interpretato da Marcantonio Gallo, e la sua attrice protagonista, interpretata da Sara Palizzotto, che stanno provando la messinscena dello spettacolo. Il racconto si snoda per quadri che, tra realtà e finzione, e attraverso il metateatro, focalizzano il dipanarsi di una vicenda che lascia sbigottiti.
Il metateatro, o teatro nel teatro, già molto caro a Shakespeare, è un espediente teatrale che è diventato lo stile che contraddistingue i lavori del TeatroDellePietre, compagnia brindisina per la quale la finzione scenica deve necessariamente rimandare al mondo del teatro stesso, affrontando questioni relative alla qualità dell’arte drammatica. “Ogni nostro spettacolo viene offerto sempre come una occasione di introspezione. Ci piace l idea di affabulare ma anche di sollevare dubbi sul pensare comune, di suscitare riflessioni nelle persone che vengono a vedere i nostri spettacoli. Abbattendo la famosa quarta parete, di cui non sappiamo che farcene, rendiamo il pubblico “spett-attore” dice Marcantonio Gallo.
Le musiche originali di Matteo Curatto, amplificano il senso di solitudine e smarrimento della protagonista che, con il solo ausilio delle parole, e incalzata dal regista, conduce gli spettatori dentro i suoi ricordi di donna condannata a morire dalla famiglia a cui appartiene. “Nessuno può immaginare il dolore che si prova con il corpo in fiamme. Un dolore atroce, profondo, che non si dimentica più. Pur non avendo mai provato queste sensazione, sono queste le parole della protagonista a cui, come attrice, devo cercare di dare profondità e verità” aggiunge Sara Palizzotto.
Una giovane donna sta facendo il bucato nel cortile di casa quando sente sbattere una porta alle sue spalle. All'improvviso il suo corpo è intriso di un liquido freddo che in meno di un secondo diventa fuoco.
“Comincia così la storia da cui abbiamo preso spunto per raccontare la violenza degli uomini e la loro sete di vendetta quando la donna offende l'onore secondo un mondo mondialmente maschilista” spiega Fabrizio Cito.
Ancora oggi il disonore viene punito con la morte e in alcune zone del mondo è tuttora una pratica normale e non viene riconosciuta come omicidio. Molti casi non vengono neppure denunciati. Un femminicidio scampato raccontato con parole dure e una messinscena cruda che fa riflettere.
 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di , potrebbe interessarti

I più visti

  • Il teatro è servito: la programmazione del Kopò

    • dal 12 ottobre 2019 al 10 maggio 2020
    • Teatro Kopó Brindisi
  • Tour di spettacoli a Brindisi con il Performing Arts Festival, prima edizione

    • dal 28 novembre 2019 al 26 aprile 2020
  • Sei spettacoli per la nuova stagione di prosa a Ceglie

    • dal 17 gennaio al 5 aprile 2020
    • teatro comunale
  • Terza rassegna teatrale “Domenico Modugno” al don Bosco di San Pietro

    • dal 19 gennaio al 18 aprile 2020
    • teatro DonBosco
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento