Upupa recuperata a Mesagne e curata a Torre Guaceto

L'esemplare, che ha un'ala rotta, consegnato dalla polizia locale agli operatori della riserva

TORRE GUACETO (Brindisi) - In questi giorni che stanno mettendo a dura prova l’intero Paese, c’è chi non si ferma e continua a combattere la battaglia quotidiana per la tutela dell’ambiente e degli animali, gli operatori del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto. L’ultima richiesta di intervento per il soccorso di un esemplare ferito è giunta all’ente dal comando della polizia locale di Mesagne. Gli agenti hanno spiegato di aver appena recuperato un’upupa e gli operatori del centro fauna selvatica della riserva si sono mobilitati per ritirare l'esemplare ed assicurargli le cure del caso. L'upupa, un adulto, ha un’ala rotta e presso la struttura di Torre Guaceto sono iniziati i procedimenti necessari per la stabilizzazione. L’arrivo di questa upupa in riserva, ci ricorda che, malgrado le difficoltà generali del momento, è arrivata la primavera, la natura si sta svegliando nonostante tutto. 

upupa torre guaceto (3)-2

Più in generale, l’upupa (guarda il video qui) è un migratore che sverna a latitudini calde, spesso tra i cammelli nelle oasi sahariane e, torna in Puglia ogni anno per nidificare nei tronchi cavi degli ulivi o nei ruderi delle antiche costruzioni abbandonate.  La maggior parte degli avvistamenti che si registrano in Italia sono localizzati lungo le coste, soprattutto in Puglia e nell’area tra la Calabria e la Sicilia. L’upupa è un uccello insettivoro ed è caratterizzato da una lunga cresta ed un becco leggermente ricurvo che le permette di estrarre le sue prede, gli invertebrati, dal terreno. E’ facile sentire il suo verso nelle campagne. Il sonoro “bu-bu-bu” echeggerà in questa zona per tutta la primavera. Dopo il periodo in Puglia, terminata la stagione della riproduzione, l’upupa riprenderà la propria migrazione e viaggerà nuovamente verso l’Africa. 

upupa torre guaceto-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Nonostante le difficoltà che stanno patendo anche gli operatori del Consorzio di Gestione di Torre Guaceto, la tutela attiva degli animali non si è fermata e non si fermerà. E’ importante, anche ora, continuare a proteggere gli indifesi per antonomasia, gli esemplari di fauna selvatica. Si ricorda che per assicurarsi che un animale selvatico in difficoltà venga soccorso e ricoverato presso il centro di Torre Guaceto, basta contattare telefonicamente il Consorzio al 335 5230215. “A nome mio e dell’intero CDA – ha dichiarato il presidente del Consorzio, Corrado Tarantino -, voglio ringraziare ancora una volta gli operatori di Torre Guaceto che, anche in queste giornate così complicate, continuano a svolgere con serietà e abnegazione il loro fondamentale lavoro di tutela della riserva e della natura. Questo è anche un modo per dire che andrà tutto bene e che presto potremo tornare ad apprezzare, forse ancora più di prima, la straordinaria bellezza del mondo che ci circonda”. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

Torna su
BrindisiReport è in caricamento