Miglietta punta sul "bike-sharing”

BRINDISI – Con i fondi del progetto Cielo, e attraverso il coinvolgimento delle associazioni, l'assessore Giuseppe Miglietta spera di far partire un fenomeno, quello del bike-sharing, che in altre città italiane è già realtà da diverso tempo.

Bike sharing

BRINDISI – Forse anche a Brindisi potrebbe finalmente partire un fenomeno, quello del bike-sharing, che in altre città italiane è già realtà da diverso tempo. È questa la speranza dell’assessore alla Programmazione economica e alle Politiche comunitarie Giuseppe Miglietta, che nei giorni scorsi ha incontrato un gruppo di tecnici e i rappresentanti di alcune associazioni locali, per tracciare le linee-guida del Piano della mobilità ciclistica e fare il punto sullo stato di avanzamento del progetto comunitario “Cielo - City port Eco Logistics” e “Summit”, finanziati dal programma operativo di cooperazione territoriale europea Grecia-Italia 2007/2013, nel quale il Comune di Brindisi aderisce in qualità di partner.

All’incontro hanno partecipato il project manager dei progetti, Giovanni Antelmi; il mobility manager dell’assessorato regionale ai Trasporti, Raffaele Sforza; e l’architetto Carlo Sciarra (coordinatore del gruppo di esperti esterni del progetto Cielo).

«La mobilità sostenibile attraverso l’uso anche delle biciclette - ha detto l’assessore Miglietta - è una componente importante da accompagnare al trasporto pubblico. Promuovere la mobilità sostenibile vuol dire ridurre il consumo di energia e i costi ambientali, tutelare la salute pubblica migliorando i livelli qualitativi dell’aria, influire sui comportamenti individuali dei cittadini stessi dal punto di vista ambientale e sociale. E significa anche intraprendere un percorso di coinvolgimento della cittadinanza. Il progetto Cielo si adegua, attraverso l’uso del bike-sharing, ad un sistema di mobilità sostenibile integrato al trasporto pubblico e collettivo, occupando un ruolo sempre più in crescita nelle politiche di governo del territorio.»

Antelmi ha illustrato gli obiettivi del progetto e loro diverse fasi procedurali, mentre Sforza ha sottolineato che l’attuale legge regionale obbliga ad inserire il piano per la mobilità ciclistica nella stesura del PUG. Nel corso dell’incontro sono intervenuti diversi rappresentanti del movimento “Brindisi Bene Comune”, il consigliere comunale Riccardo Rossi, le associazioni Italia Nostra, Into the Bike, Cicloamici, Soc. Coop. Madera, i rappresentanti della Stp di Brindisi, docenti universitari e rappresentanti del Comune, nonché diversi professionisti e cittadini interessati all’argomento.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«È stata una prima utile occasione di confronto», ha sottolineato l’assessore Miglietta, che intende proseguire lungo questa strada del coinvolgimento della cittadinanza attiva, «non solo in relazione a questo progetto stesso, ma anche per tutte le altre occasioni di sviluppo che si presenteranno a questo assessorato».

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Ceglie Messapica. Al San Raffaele positiva una fisioterapista. Altri in quarantena

  • Coronavirus: due decessi a Carovigno, primo caso a San Donaci

  • Cinque nuovi casi in provincia di Brindisi, nessuna persona deceduta

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Triage casi sospetti senza struttura d'attesa: ambulanze bloccate

Torna su
BrindisiReport è in caricamento