Parco Punta Serrone ridotto a discarica: "Fermate lo scempio"

La denuncia dell'Adoc Brindisi sull'ennesima situazione di degrado riscontrata nel parco situato sulla litoranea nord

BRINDISI - Continua il fenomeno dell'abbandono di rifiuti nel parco costiero Punta del Serrone. È l'Adoc Brindisi a denunciate una nuova situazione di scempio ambientale in una delle zone di maggior pregio naturalistico della città. "A nulla valgono - si legge in una nota dell'associazione - gli appelli rivolti all'amministrazione per una valorizzazione, un monitoraggio ed una pulizia e manutenzione costante dell'area". 

"Vano risulta essere ad oggi l'operato di tanti volontari che, tramite le associazioni di volontariato, pongono un limite all'attività criminale di pochi e all'indifferenza di molti. A versare nelle medesime condizioni le contrade lungo la costa:  Bettlemme, Giancola ed Apani". "Stesso abbandono lo riscontriamo a ridosso dell'ex camping Materdomini e nel Parco Sbitri. Si passi dai proclami ai fatti! Si proceda quanto prima a bandire e ad aggiudicare la gara per le Videotrappole.  Si abilitino i Vigili ambientali già formati. Si destinino immediatamente alcune unità della Polizia Locale ad attività di contrasto e  la prevenzione dei reati ambientali. Fermate lo scempio!"

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • La genta che abbandona indiscriminatamente rifiuti in ogni dove, andrebbe acciuffata e cacciata da Brindisi. Fanno chilometri per recarsi fuori città quando il centro di raccolta rifiuti libero e gratuito si trova accanto alla sede dell'STP. Inoltre, per gli ingombranti, basta una telefonata e li ritirano direttamente sotto casa nostra. Maledetti incivili, vergognatevi

  • Avatar anonimo di Nzinuddu
    Nzinuddu

    il problema sarebbe risolvibile mettendo delle telecamere beccando questi soggetti e fargli ripulire la intera area, senza multa, perché gente che imbratta deturpa inquina senza scrupoli è gente che non ha niente da perdere quindi non paga le multe. si parla tanto di inquinamento di problema ambientale ma nessuno prende la faccenda sul serio, si minimizza la cosa con qualche giornata di raccolta spazzatura ma serve solo per il selfie in prima pagina, e' ora che si inizi a pensare sul serio di fermare questa gente che sta distruggendo la natura, scusate lo sfogo personale ma sono tantissimi anni che questo si ripete e tra pochi mesi le famiglie brindisine saranno pronte a metterci l'ombrellone su quella sporcizia e passare una intera giornata a mangiarci sopra. questa e' Brindisi questa la nostra gente !

Notizie di oggi

  • Elezioni

    Elezioni Europee: alla fine anche in provincia di Brindisi Lega prima

  • Elezioni

    Scrutinatore scatta foto a registro elettori: allontanato dalla sezione

  • Cronaca

    Paura nel centro abitato: bomba carta esplode davanti alla casa di un vigilante

  • Cronaca

    Malore in una casa di campagna: muore un bracciante agricolo

I più letti della settimana

  • Incidente stradale nella notte: automobilista trovato morto all'alba

  • Traffico di cocaina, 18 arresti: forniture organizzate a Brindisi

  • Ospedale Perrino, donati gli organi di una donna morta a 62 anni

  • Minacciato e rapinato dell'auto: caccia ai banditi

  • Notte di fuoco tra Brindisi e Mesagne: incendiate tre auto

  • Furto nella stazione di servizio: in fuga con la cassetta dei contanti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento