Asi, Tanzarella: “Rollo? Una novità”

BRINDISI - "La scalata di Rollo all'Asi? Una novità rispetto agli accordi, conseguenza di un problema che attiene agli equilibri tra Udc e Noi centro di cui si dovrà dare conto alla coalizione. Intanto definiamo l'identità del nuovo Consiglio di Amministrazione, che dovrà essere espressione equilibrata del territorio".

Il presidente della Provincia Massimo Ferrarese

BRINDISI - "La scalata di Rollo all'Asi? Una novità rispetto agli accordi, conseguenza di un problema che attiene agli equilibri tra Udc e Noi centro di cui si dovrà dare conto alla coalizione. Intanto definiamo l'identità del nuovo Consiglio di Amministrazione, che dovrà essere espressione equilibrata del territorio".

Così il sindaco della Città bianca, Domenico Tanzarella, che sulle voci legate all'opa dell'ex consigliere regionale Pdl, emigrato verso l'Unione di centro e lanciato verso la presidenza dell'ex Sisri. Così, in previsione dell'assemblea di inizio settembre che dovrà esprimere il nuovo consiglio di amministrazione, sale la tensione e si svelano le carte.

"Un accordo c'era e per quanto mi riguarda c'è tuttora, spiega il sindaco di Ostuni, Tanzarella. Non è un mistero, per quanto mi riguarda, confermare quella intesa: la presidenza toccava al gruppo di Ferrarese e doveva quindi essere espressione di Noi centro. Il gioco di sponda con l'Udc, per lanciare la candidatura di Rollo, è una cosa evidentemente diversa rispetto a quegli accordi". Non appare un no secco, quello del primo cittadino. Ma il monito è chiaro: "In sede di composizione del Consiglio di amministrazione, si dovrà tenere conto della rappresentatività delle singole realtà in ambito provinciale. Viceversa, se tale equilibrio dovesse non essere tenuto nella giusta considerazione, ognuno, me compreso, avrà il diritto di trarne le conseguenze".

Il Consorzio Asi comprende ben quattro aree industriali del territorio: oltre quella del capoluogo, quelle di Francavilla Fontana, di Fasano e di Ostuni. In base alla nuova normativa, e sulla scorta delle disposizioni della Regione Puglia in merito all'applicazione della stessa, nei mesi scorsi sono state revocate dai Consigli comunali competenti, e dagli enti rappresentati (Provincia e Camera di Commercio), le nomine iniziali, sostituite con un delegato del sindaco e dei presidenti, se non con gli stessi sindaci.

Nella nuova assemblea Brindisi è rappresentato dal sindaco Domenico Mennitti, Fasano dal primo cittadino Lello Di Bari, Ostuni dal sindaco Domenico Tanzarella, mentre per Francavilla Fontana, il sindaco Vincenzo Della Corte ha designato l'onorevole Luigi Vitali. E poi ancora: per la Provincia, in assemblea è presente il presidente Massimo Ferrarese, per l'ente camerale il vicepresidente, Mimmo Convertino.

Questi i protagonisti della partita, che giungerà al culmine il prossimo 6 settembre, data che segnerà la fine del lunghissimo commissariamento della gestione della aree industriali della provincia di Brindisi, gli ultimi otto sotto la guida del funzionario che aveva inviato a Brindisi la Regione Puglia, Armando Serra. Gli interrogativi, però, ad un mese dal "Day Asi", sono tutti ancora sul tappeto, alla luce anche della probabile, anticipata uscita di scena del sindaco di Brindisi. Ed i giochi aperti, per il nuovo Consiglio di amministrazione e il nuovo presidente del Consorzio Asi.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Cronaca

      Dormitorio immigrati: sempre più affollato, igiene precaria

    • Cronaca

      Auto contro guardrail all'alba: una donna perde la vita

    • Cronaca

      Notte di cassonetti in fiamme, cinque interventi dei vigili del fuoco

    • Cronaca

      Cantieri abbandonati in città: la Municipale avvia i controlli

    I più letti della settimana

    • Giunta Carluccio, CoR sospende i suoi assessori

    • "L'illusione del cambiamento. Brindisi, la solita aria fritta"

    • La maggioranza vota la spesa per lo staff del sindaco Carluccio

    • Giunta Carluccio, almeno due posti da aggiungere dopo il Consiglio

    • Referendum costituzionale, a Brindisi un comitato per il “Sì”

    • Alti e bassi della maggioranza. Resta la mina vagante Multiservizi

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento