Cavalera: “Uniti si vince, avanti così”. Rossi: “Appello ai 5Stelle e alle forze sane per la legalità”

Ancora due settimane per la campagna elettorale: da entrambe le parti caccia a chi non ha votato e a possibili accordi con altre forze politiche

BRINDISI – Dopo una notte praticamente insonne, gli sfidanti lanciano il primo appello al voto post primo turno, in vista del ballottaggio: Roberto Cavalera per il centrodestra e Riccardo Rossi per il centrosinistra hanno due settimane di tempo per la campagna elettorale. Vogliono vincere. Come? Il messaggio è rivolto agli elettori, fra strette di mano e post su Facebook in questa competizione social.

Roberto Cavalera

“Grazie ai brindisini che mi hanno regalato un mare di emozioni attraverso il contatto quotidiano in strada e non nei salotti”, dice Cavalera. “Sono contento perché il risultato premia il lavoro di gruppo e il confronto serrato con le problematiche di questa città che è bellissima. Le polemiche e gli attacchi non mi interessano, non mi hanno mai appassionato”, continua. “Per la prima volta da anni ho visto l’aurora sul lungomare di Brindisi: un incanto”, dice. “Ho voluto fare una passeggiata prima di tornare a casa”. Ha dormito un’oretta appena perché ha seguito lo spoglio minuto per minuto nella sede del comitato elettorale di Fi, assieme all’onorevole Mauro D’Attis. E’ il deputato a lanciare un appello alle forze di centrodestra e dei moderati rimaste fuori.

roberto cavalera al voto-2

Il neo parlamentare, per la prima volta dal 1994 non è stato candidato al consiglio comunale di Brindisi, artefice della composizione della coalizione : “La formula di una coalizione di centrodestra con i moderati è quella vincente. Così avremmo già potuto vincere al primo turno”, dice. “ Roberto Cavalera, in ogni caso, tra due settimane sarà il sindaco di Brindisi”, continua dimostrando sicurezza. “Per ridare fiducia agli elettori brindisini era necessario proporre un candidato sindaco autorevole e motivato e Cavalera si è dimostrato tale. Lo hanno ben compreso i brindisini che già in questo primo turno lo hanno gratificato di un ottimo successo personale supportato da un forte successo della coalizione. Adesso è evidente e ragionevole che gli elettori di centro destra e del polo moderato facciano corpo unico per evitare che al governo della città torni una sinistra su cui ricadono pesanti responsabilità in relazione alle scelte che, con la Regione Puglia e con il Governo nazionale, ha preso penalizzando fortemente Brindisi. Già dalle prossime ore lavoreremo in questa direzione”. L’appello è rivolto a quella parte della destra che ha preferito viaggiare con Massimo Ciullo come candidato sindaco, profilo scelto dall’ormai ex coordinatore provinciale della Lega, Paolo Taurino, nel frattempo commissariato e messo fuori dal campo elettorale. Chissà, forse son il suo apporto, i risultati potevano andare diversamente. Fatto sta che Ciullo al secondo turno non è arrivato e dovrà decidere cosa fare: sosterrà i nemici di Fi & company? Impossibile, stando alle dichiarazioni al veleno durante la campagna elettorale. Più probabile l’astensione. Da Ciullo, al momento silenzio. Nel pomeriggio, alle 17, nella sede di corso Garibaldi è prevista una conferenza stampa di Cavalera.

Riccardo Rossi

Non è solo un discorso politico quello di Rossi, ma sembra avere contorni più ampia a giudicare dalle dichiarazioni che il candidati sindaco del centrosinistra rilascia all’arrivo in Prefettura, dopo una notte insonne trascorsa nel suo comitato: “E’ adesso che si apre la vera partita per la svolta a Brindisi”, dice. Accanto a lui, la moglie. “Noi siamo il futuro, gli altri sono espressione del passato e conferma ne è la composizione del Consiglio in caso di vittoria perché sarà rinnovato con noi. Lo stesso non potrà dirsi per gli altri”, prosegue. “Il mio è un appello alle forze sane e di buona volontà che ci sono a Brindisi e mi riferisco in primis ai CinqueStelle perché è chiaro che si tratta di una battaglia per la legalità, la trasparenza e il rinnovo autentico, quello vero”, sostiene Rossi.

riccardo rossi al voto-2

“Noi vogliano dire no al ritorno a Palazzo di città del vecchio e, quindi, adesso indipendentemente dagli In questo caso lo sguardo è rivolto agli elettori del centrosinistra che non hanno votato per disaffezione e a quelli che al primo turno hanno mostrato simpatia per i CinqueStelle. Ovviamente dai grillini non ci sarà alcun sostegno ufficiale perché vale il principio del no agli apparentamenti. Il caso nazionale è l’eccezione alla regola. Serra, dal canto suo, entra in Assise ma sconta – a quanto pare – il fatto che gli elettori abbiano votato segnando il movimento e non il suo nome.

Rossi, intanto, ha voluto postare la prima foto del post scrutinio con tutti i candidati consiglieri delle sue liste a titolo di ringraziamento: “Cambiamola questa storia”, ripete. Vuole una spallata definitiva.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

  • Notte movimentata: rissa tra giovani e spari contro un'auto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento