Consales e Ferrarese, duello finale

BRINDISI - Il sindaco Consales aveva chiesto di incontrare Massimo ferrarese alla vigilia del vertice di maggioranza, ma il patròn è irreperibile. Probabilmente domani ci sarà lo scontro finale. Perché in Noi Centro infuria il risiko per le poltrone di giunta. E alla fine il primo cittadino potrebbe decidere di mollare tutti e fare di testa sua.

Massimo Ferrarese, fondatore di Noi Centro

BRINDISI – Il muro contro muro tra Consales-Pd e il gruppo Ferrarese continua, e domani la spaccatura potrebbe ricevere l’ufficialità, anche perché il sindaco ha chiesto di incontrare il capo dei centristi ma al telefono non riceve risposta, probabilmente il patròn è all’estero. Il primo cittadino avrebbe voluto incontrarlo oggi, prima del confronto di maggioranza id domani mattina, ma ogni tentativo è stato finora vano.

Ferrarese non risponde, ma le voci in città girano e si gonfiano come un’onda: l’ultima, circolata nel pomeriggio, voleva il sindaco pronto alle dimissioni. A BrindisReport invece risulta che domani Consales andrà al vertice di maggioranza, prenderà atto delle dichiarazioni dei rappresentanti cittadini dei partiti e dei movimenti che finora lo hanno sostenuto, e chiederà 7-10 giorni di tempo prima di ripresentarsi in consiglio comunale con una nuova giunta.

Il sindaco dunque non recede, nessun passo indietro rispetto alle richieste dei centristi che chiedono l’azzeramento totale dell’esecutivo per risolvere le grane interne  ed estromettere dall’esecutivo Raffaele Iaia (divenuto scomodo perché indagato) ed Enzo Ecclesie. Gli ex di Noi Centro vorrebbero fare entrare in giunta Italo Licchello (per evitare che passi al Pd) e Angela Carluccio, figlia dell’ex sindaco Bruno Carluccio ed ex vicesegretario provinciale Udc, ma Ecclesie non è una pedina che si possa cambiare facilmente e gode della fiducia del sindaco. Checché ne dica lo stesso Ecclesie nei comunicati ufficiali («nessun contrasto nel partito»), la vera partita in Noi Centro si sta giocando sul suo nome.

Eppure, secondo alcune fonti, nei giorni scorsi era stato raggiunto l’accordo tra sindaco e centristi per tenere in giunta sia l’assessore tecnico Carmela Lomartire che i due pezzi da novanta, Ecclesie e Lino Luperti (Pd), ma la scomparsa degli emigrati nel Nuovo Centro Destra costringe a ripartire dal punto di partenza.

Domani non sarà scritto il capitolo finale della crisi, ma almeno si capirà che strada prenderà Consales. Sempre che i centristi si presentino al tavolo delle trattative, perché tra le voci che circolano c’è anche quella di una loro probabile assenza. Che significherebbe cancellare di colpo il “laboratorio” a loro tanto caro e per il quale avevano chiesto il voto ai brindisini.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Malore alla guida: autista accosta e poi si accascia, in salvo gli studenti

  • Banditi nel McDonald's del Brin Park affollato di bambini

  • Incendio in un condominio, in salvo persone bloccate

  • Lite fra vicini sfocia nel sangue: uomo preso a sprangate in testa

  • Sorpreso in piazza con 21 grammi di cocaina: arrestato brindisino

  • Oltre 40 grammi di cocaina nascosti in cucina: arrestato un operaio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento