Consales, seconda mozione di sfiducia

BRINDISI - Anche l'opposizione di sinistra lancia un messaggio politico al primo cittadino. Domani mattina si dovrebbe svolgere una conferenza stampa con la partecipazione di consiglieri di sinistra e destra. Ma in ogni caso il documento non approderà in consiglio, perché non si arriverà a raccogliere le 12 firme necessarie per la discussione in assemblea.

Una conferenza stampa del centrodestra

BRINDISI – Le mozioni di sfiducia al sindaco Consales diventano due. A quella del centrodestra, già presentata nei giorni scorsi, con le firme di sette consiglieri comunali, se ne aggiungerà un’altra che sarà presentata dall’opposizione di sinistra e ce potrebbe essere unificata alla prima. In ogni caso il significato dell’iniziativa, che sarà presentata domani nel corso di una conferenza stampa congiunta destra-sinistra, è puramente politico e non potrà avere sviluppi sostanziali, poiché per poter approdare in consiglio comunale una mozione di sfiducia al primo cittadino ha bisogno di almeno 12 voti: le opposizioni al momento possono contare su 11, sempre che Ilario Pennetta e Antonio Pisanelli decidano di sostenerla.

Per ora infatti le firme certe restano quelle di Mauro D’Attis, Massimiliano Oggiano, Pierino Santoro, Pietro Guadalupi, Cosimo Elmo, Giampiero Pennetta e Ilario Pennetta. Quest’ultimo però teme il rischio di un commissariamento della città lungo un anno, e quindi potrebbe defilarsi. Quanto a Pisanelli, è notoria da tempo la sua posizione ormai equidistante da opposizione e maggioranza.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

A sinistra, Giovanni Brigante vorrebbe presentare una seconda mozione, distinta da quella del centrodestra, proprio per sottolineare la differenza politica tra le due forze in campo: «Che poi il fine sia lo stesso, è naturale». Riccardo Rossi ha già confermato la sua firma: «Che si tratti di una mozione unica, o di due documenti, non credo che importi tanto, anche perché non approderà in assemblea. Ma è necessario un segnale di chiarezza per i brindisini: bisogna far capire chi è in maggioranza e chi sta all’opposizione». Il riferimento è ovviamente al Nuovo Centrodestra e a Noi Centro, che si sono defilati dalla maggioranza ma non sono ancora passati all’opposizione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi, ospedale Perrino: turista lombardo positivo al Covid-19

  • Furgone si ribalta sull'autostrada: brindisino muore in Veneto

  • “Ego”: Jasmine Carrisi debutta come cantante

  • Spari contro il balcone di un'abitazione: feriti marito e moglie

  • Giovane malmenata in strada: carabiniere fuori servizio blocca fidanzato violento

  • Ostuni torna a popolarsi di vip, fra cantanti ed ex campioni del mondo

Torna su
BrindisiReport è in caricamento