Decreto sicurezza, la maggioranza chiede sospensione: "Forte impatto su comunità locali"

Il Movimento Brindisi Bene Comune e l'intero gruppo di maggioranza chiedono di discutere sulla sospensione temporaneta degli effetti dell'applicazione del Decreto Sicurezza

BRINDISI - Il Movimento Brindisi Bene Comune e l'intero gruppo di maggioranza hanno depositato la richiesta di inserire tra i punti all'ordine del giorno del prossimo consiglio comunale, la sospensione temporanea degli effetti dell'applicazione del Decreto Sicurezza, approvato dal Senato il 7 novembre scorso e in programma per essere discusso dalla Camera il 22 novembre prossimo. Di seguito la nota inviata agli organi di informazione. 

L’ordine del giorno riguardante l’impatto sui territori del Decreto Legge 4 ottobre 2018, n. 113, in materia di immigrazione e sicurezza, presentato in consiglio comunale da Bbc insieme alle forze di maggioranza, impegna il sindaco e la giunta a chiedere al Ministro dell'Interno ed al Governo di sospendere, in via transitoria fino a conclusione dell'iter parlamentare, gli effetti dell'applicazione del Decreto Legge, allo scopo di coinvolgere gli enti e le comunità locali nella riflessione su una misura che è passibile di impattare sullo status giuridico e sulla vita di decine di migliaia di individui, attualmente seguiti e accompagnati nella conquista dell’autonomia di vita, lungo un percorso di inserimento nella società civile, sia esso lavorativo, abitativo, scolastico, e via dicendo.

Nell’attuale sistema di gestione, al netto di ambiti sicuramente passibili di miglioramento, spicca per efficacia il Sistema di protezione per richiedenti asilo e per rifugiati (Sprar), affidato agli Enti locali e che prevede l’accoglienza diffusa in strutture disseminate per il tessuto urbano, in grado di connettere richiedenti asilo e rifugiati al resto della popolazione, favorendone pertanto l’integrazione all’interno del tessuto comunitario.

Ridimensionare tale sistema, a favore di grandi centri dislocati fuori dai centri urbani, può sicuramente risolvere il problema dal punto di vista “visivo”, creando però i presupposti per la ghettizzazione, emarginazione ed infine marginalizzazione di queste persone, con le naturali conseguenze che è facile immaginare. Senza dimenticare la decisione di eliminare i permessi per protezione umanitaria, che andrà a creare un bacino molto ampio di persone che si troveranno da un giorno all’altro senza un regolare permesso di soggiorno, impossibilitate a lavorare, cercare una casa, mandare i figli a scuola, ecc. In estrema sintesi, a svolgere tutte quelle attività basilari necessarie a vivere e a sentirsi parte integrante della collettività.

Un decreto che pertanto, è facile prevederlo, provocherà un forte impatto sulle comunità locali, richiedendo un forte intervento da parte delle amministrazioni locali, sia dal punto di vista organizzativo che economico. Con l’entrata in vigore del decreto in questione, infatti, si apre di fronte alle amministrazioni locali, comuni e province in particolar modo, una fase estremamente delicata in cui un cospicuo numero di persone si troveranno improvvisamente prive di ogni forma di assistenza, costrette ad una condizione di estremo disagio e di irregolarità che ne favorirà la clandestinità, che per forza di cose andrà ad incidere sulle politiche sociali locali, con conseguente ricaduta sui servizi a bassa soglia.

È evidente, per quanto sopra, che non si possa pertanto transigere da un diretto coinvolgimento degli enti locali nella discussione e nell’elaborazione del testo normativo in materia di immigrazione e accoglienza, e che l’intervento governativo debba necessariamente tenere in considerazione i rilievi, le obiezioni e le proposte di integrazioni/modifiche che provengono dai territori.

La discussione non può passare sopra le teste delle amministrazioni e delle comunità locali, soprattutto in considerazione dell’impatto complessivo e delle pesanti ricadute e ripercussioni che può avere un intervento normativo così strutturato.

Ed è per questo che Bbc, insieme alle forze di maggioranza, è fermamente convinta della necessità di adottare l’ordine del giorno in questione, allo scopo di stimolare un riflessione sulla materia che sia scevra da prese di posizione ideologiche, o peggio ancora,  condizionata da obiettivi di natura elettorale, e che possa servire a costruire un piano d’azione condiviso che sia effettivamente rispondente alle necessità di una gestione efficace del fenomeno migratorio, e che tenga conto di quanto viene già fatto in maniera proficua ed efficace, senza smantellare il sistema esistente, ma esaltandone gli aspetti positivi e riducendone quelli negativi.

Senza dimenticare che gli impatti dell’intervento in materia, come detto in precedenza, ricadrebbero soprattutto sugli enti locali e sulle comunità da loro amministrate, e che quindi è responsabilità diffusa che spetta a tutti, quella di trovare soluzioni rispondenti all’interesse generale della collettività.  

Potrebbe interessarti

  • Musica dei locali: nuovi orari per costa e centro urbano

  • L’albicocca, antico frutto della fertilità

  • Come riparare le piante dal caldo estivo e dal sole

  • Librerie fai da te: alcune idee

I più letti della settimana

  • Accoltellamento mortale dopo furibonda lite tra consuoceri

  • Vino sofisticato: undici arresti e quattro cantine sequestrate

  • Altri temporali in arrivo, l'allerta meteo passa ad arancione sulla costa

  • Auto fuori controllo sulla provinciale: un uomo perde la vita

  • Aste giudiziarie, pressioni e minacce ai partecipanti: quattro arresti

  • Fuochi d'artificio al matrimonio: colpito al volto, perde un occhio

Torna su
BrindisiReport è in caricamento