"Ora Tocca a Noi": Livia Dell'Anna lascia il gruppo consiliare

Il movimento: "Scelta che non ha motivazioni politiche. Riveda la sua decisione oppure si dimetta dal ruolo di consigliere comunale"

BRINDISI – La consigliera comunale Livia Dell’Anna si dimette dal gruppo consiliare di maggioranza “Ora Tocca a Noi” e dallo stesso movimento arriva un invito a dimettersi dal consiglio comunale. 

Si tratta di “una decisione presa unilateralmente - si legge in una nota del movimento - e formalizzata senza aver dato comunicazione al gruppo di riferimento, al termine di un lungo periodo nel quale la consigliera non ha ritenuto di condividere in alcun modo il proprio mandato con il gruppo per cui è stata eletta”.

Il movimento esprime rammarico “nel merito e nel metodo, ancor di più se consideriamo  - si legge ancora nel comunicato - che non sussistono motivazioni politiche tali da giustificare questa scelta”.  Nel comunicato si parla di “numerosi tentativi volti a ricucire i rapporti e a riportare questa esperienza politica in un’ottica di condivisione e reciproco confronto, a cui nessun componente del nostro movimento è stato mai precluso”.

Nel lanciare un appello alla Dell’Anna a rivedere la sua decisione, il movimento si sente in dovere “di chiedere scusa alla città per questo spiacevole messaggio che siamo stati costretti a diramare”. Ma nel caso in cui non dovesse arrivare alcun dietro front, Ora Tocca a noi chiede a Livia Dell’Anna “di dimettersi dal ruolo di consigliere comunale, che ricopre grazie all’impegno profuso da centinaia di attivisti e sostenitori del progetto di ‘Ora tocca a noi’ che dal 31 marzo scorso, durante la campagna elettorale e fino ad oggi, hanno speso il loro tempo e le loro energie affinché questa forza - che è collettiva - fosse rappresentata a Palazzo di città”. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (3)

  • Spiace quanto accaduto: ma tant'è. Intuibile la garbata decisione del Movimento che, probabilmente, ha avuto il torto di non intraprendere autonomamente la strada giusta per i fini posti sul nascere. Valga solo un esempio: penso che non sia possibile contribuire alla gestione amministrativa-contabile del Comune senza conoscere alcune norme e regolamenti basilari dell'Ente e ancor più in assenza delle necessarie notizie relative alla situazione di diritto e di fatto in cui opera l'attuale Amministrazione dopo circa 8 mesi dall'insediamento. Brindisi 18/02/2019 Franco Leoci

  • Chissà perché quando scelgono di cambiare consorteria politica ( classico ribaltone nostrano) non abbandonano mai lo scranno. Eh, lo stipendione ( senatori e deputati) o le indennità e gettoni di presenza ( da amministratori) fanno comodo. Poi qui da noi, che volete, ce sta nà crisi e nà fame che solo Iddio ci salva……. Patetico poi l'acrobatico volo di parole del partito che tenta di dare una parvenza di descrizione dell'accaduto, anzi del ribaltone. Patetici come tutti coloro che si presentano all'elettorato ( potenziale) come duri e puri, cavalieri senza macchia e senza paura e peccato, pronti a cambiare il mondo ….cambiare il mondo..ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah ah aha ah cambiare il mondo..buona questa, me la segno….

  • ve li tenete i consiglieri comunali che avete scelto voi e cercate di non assomigliare ai mafiosi che velatamente minacciano

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Auto in fiamme a Sant'Angelo e Acque Chiare: bimba in ospedale

  • Cronaca

    Il nuovo questore: “Sono sempre stato poliziotto da marciapiede”

  • Cronaca

    Tedesco: “Sono io quello della rapina, ho sbagliato”. Protino: “Non ne so niente”

  • Green

    Parco Cesare Braico, Rossi: "Ripristinato l'impianto di illuminazione"

I più letti della settimana

  • Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Tragedia sulla strada Ostuni-Montalbano: morti due ragazzi

  • Tragedia sulla provinciale: oggi l'ultimo saluto a Sarah, Giulia e Davide

  • Auto contro scooter nel centro abitato: un 14enne in Rianimazione

  • Rapinatori nell'ufficio postale del Casale: "Tranquilli, vi vogliamo bene ragazzi"

  • Trasportavano parti auto rubata: inseguiti e presi dalla Polstrada

Torna su
BrindisiReport è in caricamento