Mesagne, il centrosinistra sceglie Rosanna Saracino

La penalista candidato sindaco per la coalizione composta da Pd, “La M”, “Liberi Tutti” e “Mesagne Progressista”

MESAGNE - Scelta in rosa per le forze politiche del centrosinistra di Mesagne, a trazione Pd, con l'obiettivo di tornare alla guida dell'Amministrazione comunale: Rosanna Saracino, avvocato penalista, sarà il candidato sindaco. Il nome della professionista viaggia in tandem con quello di Alessandro Denitto, con funzioni di vice primo cittadino. Il che vuol dire che già si è al lavoro su una possibile Giunta a cui affidare la realizzazione del programma che verrà presentato nei prossimi giorni.

La coalizione

L'avvocato Rosanna SaracinoLa coalizione è composta dal Partito democratico, per il quale Saracino è stata consigliere (uscente) e assessore all'Urbanistica e all'Ambiente,  dall’associazione “La M”, dal movimento “Liberi Tutti” e da “Mesagne Progressista”. L'area politica " lavora per proporre alla città una coalizione che si riconosca nei valori del centro-sinistra in vista delle prossime elezioni amministrative", si legge nel comunicato inviato nella serata di oggi, 2 marzo 2019, quando ormai il nome dell'avvocato Saracino viaggiava già lungo i canali ufficiosi.

Adesso, quindi, c'è il canone dell'ufficialità: "I partiti e i movimenti facenti parte della costruenda coalizione intendono mettere in piedi un progetto che rappresenti un riferimento politico per tanti cittadini orfani di uno spazio di impegno all’interno della nostra comunità. Solo una politica che riparta dalla condivisione di valori  ed idee potrà rimettere al centro del suo agire il bene comune attraverso la costruzione di soluzioni che guardino all’interesse collettivo e al futuro della città, fuori da ogni particolarismo", si legge ancora.

Il tandem

Avendo definito il perimetro della coalizione, le forze hanno concordato sul nome della penalista in abbinamento a Denitto, considerando questa pedalata a due determinante ai fini della vittoria alle prossime amministrative: la coppia "è quella che meglio rappresenta l’ispirazione originaria di questo progetto e la volontà di proporre alla città una nuova leva di amministratori".

Saracino, avendo già avuto una esperienza in Giunta, conosce la macchina amministrativa e ha memoria del settore pulsante del Comune, vale a dire l'Urbanistica. Non è però detto che il gruppo non possa essere ampliato. Tutt'altro. "La coalizione è aperta al contributo di altri cittadini tanto singoli quanto organizzati in movimenti e associazioni in vari ambiti impegnati". Chiara appare la chiamata a raccolta di quanti si riconoscono nel progetto politico.

Il post della Saracino

Pubblichiamo di seguito un messaggio pubblicato da Rosanna Saracino sul suo profilo Facebook.

Mentre questa giornata volge al termine sento la necessità di condividere con tutti voi le mie emozioni di oggi. 
Con la ufficializzazione della mia candidatura a Sindaco di Mesagne alla guida della nuova coalizione di centro sinistra è iniziata un’altra bella avventura.  

Sento la necessità di ringraziare molte persone.  Intanto ringrazio chi ha creduto in me ed ha voluto affidarmi questo delicato compito; mi riferisco agli alleati di coalizione ed a  tutta la classe dirigente del partito democratico del quale mi onoro di far parte. In particolare sento di dover ringraziare la segreteria del partito ed il segretario Francesco Rogoli che anche in questa circostanza non ha esitato ad anteporre il bene comune ai suoi bisogni personali dedicando anima e corpo ai vari incontri che si sono susseguiti ininterrottamente per un mese. 
Un grazie a tutti voi che nella giornata di oggi mi avete letteralmente inondata di messaggi, telefonate, post e persino fiori. Spero di aver già risposto a tutti ma se qualcuno mi è sfuggito me ne  scuso. 

Un grazie va anche ai miei amici di sempre e ad i miei colleghi di studio (la mia seconda casa) che in silenzio mi hanno compresa e supportata in questi giorni e continueranno a farlo anche in futuro .  Infine, ma non per importanza, un grazie alla mia famiglia, a mio padre e a mia madre che nella loro semplicità e umiltà mi hanno trasmesso quei valori che neppure la migliore delle università può insegnare ad una figlia ... gliene sarò grata per sempre. Anche loro avevano già capito tutto ma hanno lasciato che fossi io a decidere. Anche in questa circostanza la certezza che loro ci sono e che mi sosterranno mi fa sentire al sicuro. 

Un grazie a mio fratello Raffaele e a mia sorella Antonella che , come sempre, avevano già capito tutto da tempo ma hanno atteso che fossi io a chiedere consiglio e a rispondermi con un sorriso e sguardo amorevole  “vai avanti noi saremo accanto a te ad accompagnarti”.  
Infine un grazie ai miei amati nipoti Anna e Mattia . A loro voglio dire che se ho accettato di iniziare questa avventura l’ho fatto proprio pensandoli e, con loro, pensando a tutti i giovani che certamente meritano di vivere la loro vita liberi di parlare, liberi di pensare, liberi di volare ma soprattutto liberi di poter sperare che i loro sogni possono essere realizzati anche nella città natale.  Ancora grazie di vero cuore a tutti con l’augurio di non delude le aspettative di chi ha riposto in me fiducia incondizionata

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Sport

    Banks torna in tempo per il difficile spareggio con Varese

  • Sport

    Scontri dopo Fasano-Altamura: per undici ultras Daspo e denuncia

  • Politica

    Forza Italia: "No all'autonomia differenziata delle regioni del Nord"

I più letti della settimana

  • Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Tragedia sulla strada Ostuni-Montalbano: morti due ragazzi

  • Rapinatori nell'ufficio postale del Casale: "Tranquilli, vi vogliamo bene ragazzi"

  • Attaccati e feriti da pitbull, cavalla sbalza il padrone e fugge in paese

  • Trasportavano parti auto rubata: inseguiti e presi dalla Polstrada

  • Giovane disoccupata voleva lanciarsi nel vuoto, bloccata da passante

Torna su
BrindisiReport è in caricamento