Mesagne: evento del Pd. Villa Castelli, è polemica dura

Il partito della candida sindaco Rosanna Saracino presenta il progetto di governo della città. Barletta replica a Caliandro

Mesagne: questa sera le proposte di governo del Pd

rosanna saracino candidato sindaco-2Questa sera alle ore 18,30 nei locali dell’Associazione Di Vittorio in via Castello 20, il Partito Democratico di Mesagne terrà un’assemblea con i candidati, gli iscritti, i simpatizzanti del Pd e quanti tra i cittadini vorranno partecipare. Saranno presenti la segretaria provinciale Rosetta Fusco, il segretario regionale Marco Lacarra e la candidata sindaco della coalizione di centrosinistra, Rosanna Saracino. Oggetto dell’incontro saranno le idee e le iniziative del PD per il futuro della città di Mesagne.

Da rilevare che nelle ultime settimane Rosanna saracino ha subìto attacchi dal presidente della Regione Puglia, che apertamente sostiene il suo avversario Toni Matarrelli. Si attende che ciò che non è stato detto ufficialmente in difesa della candidata sindaco da parte della segreteria regionale e di quella provinciale del Partito Democratico, venga espresso chiaramente questa sera.

Mesagne: anche Matarrelli sviluppa il programma

Toni Matarrelli-4In programma oggi a Mesagne anche il quarto degli appuntamenti con la città attraverso i quali il candidato sindaco Toni Matarrelli e la coalizione “Insintonia” si stanno confrontando per integrare la bozza di programma elaborata in queste settimane. Il programma di coalizione sarà poi presentato in un documento definitivo, dopo gli incontri con i cittadini e le associazioni tesi a raccogliere proposte. Oggi, lunedì 15 aprile, si parlerà di crescita, commercio, agricoltura, ricerca e sviluppo economico, cultura e lavoro. L’incontro si svolgerà dalle ore 17.30 presso il comitato elettorale di via Federico II Svevo 146, nei pressi del teatro comunale. 

Mesagne: il candidato del M5S e il trasferimento dei libri

 carlo_ferraro-2Il candidato sindaco del Movimento Cinque Stelle, Carlo Ferraro, intende fornire rassicurazione ai propri elettori e ai cittadini di Mesagne.  A seguito di un incontro avuto con il responsabile dell’Ufficio Urbanistica del Comune, Ferraro ha ricevuto rassicurazioni riguardo il destino dei libri ospitati nella Biblioteca Comunale. I libri che attualmente ssi trovano al primo piano saranno spostasti a piano terra dell’immobile, in un locale affittato per questo fine dall’amministrazione comunale di Mesagne. L’appalto riguarda in fondo la dotazione di nuove attrezzature per informatizzare le attività di consultazione e nuovi arredi per gli ambienti. Le paventate demolizioni riguardano semplicemente l’abbattimento di due muri in cartongesso. Adesso rimane da capire a chi sarà affidato il delicato compito di gestire questa nuova realtà culturale.

Villa Castelli: Barletta replica a Caliandro

Intanto a Villa Castelli il candidato della lista “Diventerà bellissima”, Giovanni Barletta, replica agli attacchi del sindaco uscente di centrodestra, Vitantonio Caliandro, il quale non ha ancora ufficializzato la sua eventuale partecipazione alla competizione elettorale del 26 maggio prossimo. Barletta, politicamente un uomo di centro (è stato esponente dell’Udc), guida la lista “Diventerà bellissima” e gode anche dell’appoggio dell’assessore regionale Cosimo Borraccino, di Liberi e Uguali, significativa presenza all’evento ufficiale di presentazione della candidatura dello stesso Giovanni Barletta, nel marzo scorso.

Giovanni Barletta“I continui attacchi sulla stampa rivolti alla mia persona da parte del sindaco Vitantonio Caliandro sono la più triste, desolante ed inequivocabile prova dello stato di insostenibile difficoltà politica in cui versa il primo cittadino. Un sindaco uscente che, ad ormai quasi un mese dal voto, non ha ancora sciolto la riserva sulla sua ricandidatura, abbandonando non solo la propria maggioranza e i propri sostenitori a una perdurante condizione di incertezza, ma privando anche la città tutta di un dibattito elettorale sano sul futuro di Villa Castelli”, dice Barletta.

“Pur essendomi ripromesso più volte di non cedere alle provocazioni che, sapevo, sarebbero arrivate, non posso nemmeno lasciare prive di risposta le bufale rifilate da Caliando in merito alla mia persona, ai suoi risultati e alla sua città. Pur di colpirmi sul piano personale sostiene che non avrei mai vinto nulla. Anche se così fosse, non me ne vergognerei di certo, dal momento che per me la politica è amministrare e servire la propria comunità, e non come per lui un continuo inseguire vittorie personali fini a sé stesse e a tutti i costi”, prosegue il candidato di Diventerà bellissima.

municipio villa castelli-2

“Eppure, nonostante ciò, mi permetto di ricordargli che nel 2009 lo abbiamo battuto (forse ha voluto rimuovere quel trauma) e che, personalmente, sono sempre stato eletto: anche due volte alla Provincia, di cui sono anche stato vice presidente. Riguardo ai miei cambi di casacca non si capisce bene a cosa si riferisca visto che notoriamente sono sempre stato di Centro. Mentre lui, che si definisce socialista, si candidò alla Provincia per il centrodestra e la sua lista è notoriamente di destra”. Barletta conclude ricordando gli impegni assunti ma non onorati dal sindaco uscente, definendo da “pre-dissesto” la condizione finanziari del Comune lasciata da Caliandro.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scu, il nuovo pentito: “La mia latitanza tra Fasano e Porto Cesareo”

  • Meteo

    Raffiche di scirocco e un po' di pioggia: le previsioni per Pasquetta

  • Attualità

    Scuola di voga a Brindisi, tra schifarieddi e giri turistici come a Venezia

  • Sport

    Fognini, trionfo a Montecarlo con dedica a Flavia: "Mi sopporta in tutto"

I più letti della settimana

  • Auto contro moto sulla panoramica: morto un imprenditore

  • "Hanno fatto bene a Foggia che vi hanno sparato": denunciato per vilipendio

  • Aveva pistola, droga e banconote false: arrestato nel parcheggio Auchan

  • Auto travolge ciclista sul marciapiede: tre feriti

  • Trovato dai ricercatori universitari a Triggiano il vettore della Xylella

  • Titolare di supermarket non versa ritenute Irpef: maxi sequestro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento