Coppola: "Adesso farò il possibile per ricompattare il centrodestra"

L'ex sindaco di Ostuni commenta l’epilogo del suo mandato, a seguito delle dimissioni formalizzate da 13 consiglieri

OSTUNI – Dopo la fine del suo mandato scaturita dalla dimissioni formalizzate nella serata dii ieri (martedì 5 febbraio) da tredici consiglieri comunali, l’ormai ex sindaco di Ostuni, Gianfranco Coppola, ha incontrato la stampa, per tracciare un bilancio dei quasi cinque anni in cui ha guidato l’amministrazione comunale della Città Bianca. 

“Volendo eseguire una disamina su quanto accaduto nelle ultime ore – afferma Gianfranco Coppola – un unico consigliere di centrodestra si è preso la responsabilità di staccare la spina alla mia amministrazione, alleandosi con l’opposizione. Prendo in prestito da un lessico che non mi appartiene la parola ‘traditore’, in quest’ultimo frangente attribuita al sottoscritto, ma che ritengo descriva appieno l’atteggiamento del consigliere Continelli”. 

“Un politico che è riuscito ad entrare in Consiglio con appena 130 preferenze, che non possiede ormai alcun futuro, ritengo abbia avuto durante la mia legislatura molto più di quanto potesse sperare. Facesse pace con la propria intelligenza e la propria coscienza, ammettendo di aver approvato senza riserve la collaborazione con il Partito Democratico ostunese, che tre anni fa diede vita alla giunta tecnica”. 

“In un momento di grande attività amministrativa, un momento delicato, che precede la fine di un percorso di governo caratterizzato da tante difficoltà, dovute proprio alla mancanza di una maggioranza forte in Consiglio, questo gesto – prosegue Coppola - è stato inqualificabile sia umanamente, che professionalmente. Inutile poi commentare la mancanza di rispetto nei confronti delle istituzioni, desumibile chiaramente dal chiassoso sarcasmo sfoderato dai firmatari durante la sottoscrizione dell’atto di dimissioni”.

“Fa da controcanto a questo modo strumentale di agire – dichiara ancora Coppola - l’incessante lavoro dell’amministrazione ormai uscente: il dragaggio e la riqualificazione del Porto di Villanova; la riapertura della Casa della Musica; il completamento del progetto ‘Città d’Arte’ con la realizzazione di 41 alloggi di edilizia pubblica; la definizione del Piano strategico del commercio; la ristrutturazione della San Giovanni Bosco; il rifacimento di via Sansone e corso Vittorio Emanuele II, rappresentano solo alcuni esempi di quelli che sono i risultati raggiunti e da conseguire nel prossimo futuro”. 

“I gesti inconsulti di qualcuno – prosegue l’ex primo cittadino - ricadranno purtroppo sulla collettività ed è questa la cosa che mi dispiace maggiormente. La città di Ostuni merita un impegno elevato e costante, spero di aver dimostrato ai miei concittadini di quanto mi stia a cuore la crescita del nostro territorio, unitamente al nostro benessere. Ringrazio gli assessori, i consiglieri di maggioranza, i dirigenti e i funzionari che tuttora mi sono accanto.  Mi dichiaro dunque aperto al dialogo, mirato a ricompattare il centrodestra – conclude il sindaco Coppola – e faccio appello a tutti i movimenti politici che convergono in quella che deve diventare nuovamente una coalizione forte, capace di contrastare una pericolosa restaurazione”.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Locali e attrezzature sporchi e ragnatele sulle pareti: chiuso panificio

  • Incidente al solito incrocio tra le provinciali: coinvolti due auto e un camion

  • Auto si ribalta sulla superstrada: illesi tre giovani brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento