I problemi dell’Arsenale finiscono in consiglio

BRINDISI - E' prevista per martedì pomeriggio la seduta monotematica del consiglio comunale di Brindisi che affronterà il problema dell'Arsenale. Su richiesta di quindici consiglieri di opposizione infatti, il presidente del consiglio Giampiero Pennetta ha convocato una seduta straordinaria per discutere del futuro di 202 dipendenti (anche se in totale sarebbero almeno 413) che, dopo la decisione della Marina Militare di vendere il Castello di Terra sede dell'Arsenale, sono quasi rassegnati.

F.C. 1 marzo 2010

BRINDISI - E' prevista per martedì pomeriggio la seduta monotematica del consiglio comunale di Brindisi che affronterà il problema dell'Arsenale. Su richiesta di quindici consiglieri di opposizione infatti, il presidente del consiglio Giampiero Pennetta ha convocato una seduta straordinaria per discutere del futuro di 202 dipendenti (anche se in totale sarebbero almeno 413) che, dopo la decisione della Marina Militare di vendere il Castello di Terra sede dell'Arsenale, sono quasi rassegnati.

L'abbandono della sede, ormai deciso visto che l'immobile sarà messo in vendita dal Ministero della Difesa, potrebbe comunque essere aggirato qualora ci fosse una sede alternativa. Le speranze dei lavoratori infatti, sono legate proprio a questa eventualità: nella seduta straordinaria dell'assise chiesta dal centrosinistra, i temi da discutere riguardano queste possibilità.

Il Comune infatti, già a conoscenza dei programmi della Difesa al punto che ha fatto sapere di voler partecipare - probabilmente con un project financing - all'acquisto del Castello Svevo, sarà chiamato a pronunciarsi anche attraverso la sua amministrazione sulle risposte da dare ai lavoratori.

arsenale
consiglio

Commenti