Infrastrutture primarie, 5 milioni

BRINDISI - Cinque milioni di euro per risolvere i problemi di acqua, fogna e illuminazione in alcune contrade periferiche della Città di Brindisi che da anni attendono interventi di urbanizzazione. A dare l'annuncio dello sblocco dei fondi il candidato sindaco Mauro D'Attis dopo una interrogazione al commissario straordinario Bruno Pezzuto.

Mauro D'Attis

BRINDISI - Cinque milioni di euro per risolvere i problemi di acqua, fogna e illuminazione in alcune contrade periferiche della Città di Brindisi che da anni attendono interventi di urbanizzazione. A dare l'annuncio dello sblocco dei fondi il candidato sindaco Mauro D'Attis dopo una interrogazione al commissario straordinario Bruno Pezzuto.

“Arriva a compimento uno dei lavori svolto in tema di lavori pubblici dalla precedente amministrazione” - dice l'ex vice sindaco della giunta Mennitti - “potremo così vedere risolti i problemi che da anni affliggono alcune contrade della Città. Si tratta in particolare delle contrade Muscia, Giambattista, Ficatorta, Torre Rossa, Apani e Case Bianche”.

I fondi saranno stanziati dall'Autorità idrica della Regione Puglia mentre l'Acquedotto pugliese sarà l'ente realizzatore. Le opere sono invece state progettate nella passata amministrazione. “Ragionevolmente – dice D'Attis -, considerati i tempi tecnici a giugno sarà espletata la gara d'appalto e conseguentemente entro dicembre saranno cantierizzati i lavori”. Tempi leggermente più  lunghi per l'impianto di sollevamento del Villaggio San Pietro che pure è compreso nelle opere progettate e finanziate. “Ma solo di qualche mese” garantisce D'Attis.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Dramma a Savelletri: cadavere di un uomo ritrovato sugli scogli

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

Torna su
BrindisiReport è in caricamento