Emergenza criminalità: "Il Governo aumenti il numero delle Forze dell'ordine"

I parlamentari di Forza Italia Mauro D’Attis e Francesco Paolo Sisto hanno rivolto un’interrogazione al Governo per sapere come si intende fronteggiare l’attacco della criminalità

BRINDISI - I parlamentari di Forza Italia Mauro D’Attis e Francesco Paolo Sisto hanno rivolto un’interrogazione al Governo in Commissione Affari costituzionali per sapere come si intende fronteggiare l’attacco che la criminalità organizzata sta compiendo ai danni della società civile in provincia di Brindisi. 

Per l’Esecutivo ha risposto il Sottosegretario all’Interno Luigi Gaetti, limitandosi ad una rappresentazione di dati numerici da cui si evincerebbe un sostanziale rispetto degli organici previsti. 

“E’ grave – afferma D’Attis – che il Ministero dell’Interno sottovaluti un fenomeno fortemente in crescita, rappresentato dall’azione costante e pericolosissima della malavita organizzata. Non c’è giorno in cui le cronache non siano costrette a riportare notizie riguardanti rapine a mano armata, incendi dolosi, furti con scasso o altre azioni delinquenziali". 

"Affermare che alcuni capi della Sacra Corona Unita siano stati arrestati, con la conseguente ‘riduzione dell’incidenza dei rispettivi gruppi criminali’ dimostra pressappochismo, se non addirittura una colpevole sottovalutazione. L’arresto di un ‘capo’, infatti, mette in moto rivalse interne nella criminalità e si scatena una guerra per i nuovi equilibri nel controllo delle attività criminali. Il Sottosegretario parla di ‘gruppi neo costituiti e poco strutturati che tendono progressivamente ad espandere le proprie attività illecite nelle estorsioni e nel traffico di droga’ e relega pericolosamente a ‘conseguenze dell’assenza di occupazione’ i gesti posti in essere dalla cosiddetta microcriminalità". 

"Proprio per le premesse fatte dal Governo stesso – conclude D’Attis - è necessario che si prenda realmente coscienza della gravità della situazione e si assumano impegni precisi circa la destinazione di un numero cospicuo di uomini delle forze dell’ordine, nell’ambito delle annunciate 6.150 nuove assunzioni. Di impegni generici il territorio della provincia di Brindisi non sa davvero che cosa farsene”.

Nell'interrogazione D'Attis ha precisato che nella provincia di Brindisi operano attualmente 537 unità della Polizia di Stato di cui 22 appartenenti ai ruoli tecnici, rispetto ad una forza organica di 533 unità. A febbraio, inoltre, l'organico della Polizia è stato potenziato con l'assegnazione di 12 unità. 

"Ulteriori incrementi di personale, con riferimento anche alle professionalità tecnico-scientifiche, potranno essere valutati in occasione di future assegnazioni connesse al piano di assunzioni straordinarie per 6.150 unità, previsto dal Governo e che servirà a ripianare totalmente gli organici delle Forze dell'ordine". 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scu, il nuovo pentito: “La mia latitanza tra Fasano e Porto Cesareo”

  • Meteo

    Raffiche di scirocco e un po' di pioggia: le previsioni per Pasquetta

  • Attualità

    Scuola di voga a Brindisi, tra schifarieddi e giri turistici come a Venezia

  • Sport

    Fognini, trionfo a Montecarlo con dedica a Flavia: "Mi sopporta in tutto"

I più letti della settimana

  • Auto contro moto sulla panoramica: morto un imprenditore

  • "Hanno fatto bene a Foggia che vi hanno sparato": denunciato per vilipendio

  • Aveva pistola, droga e banconote false: arrestato nel parcheggio Auchan

  • Auto travolge ciclista sul marciapiede: tre feriti

  • Trovato dai ricercatori universitari a Triggiano il vettore della Xylella

  • Titolare di supermarket non versa ritenute Irpef: maxi sequestro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento