Torre, dissuasori in via Latiano: “Vera emergenza è deflusso delle acque”

Intervento del segretario dei giovani del Pd, Matteo Birtolo: “Non era possibile adottare dei nuovi strumenti e magari chiedere ai nostri vigili di aumentare i controlli?”

Riceviamo e pubblichiamo una nota del segretario dei giovani del Pd di Torre Santa Susanna, Matteo Birtolo, sui dissuasori installati in via Latiano.

Come segretario dei giovani Pd pongo un chiaro punto interrogativo inerenti i dissuasori di via Latiano " era una misura realmente utile?" In un paese che vi sono tante emergenze. E' Giusto quindi? Si o No?

E' una misura che richiama alla sicurezza dei nostri cittadini quindi bene, chi può contestarla nel suo intento? è un nobile intento. Ma la domanda che dovremmo porci è se la decisione di utilizzare quel tipo di dissuasori sia stata la più corretta: non era possibile adottare dei nuovi strumenti e magari chiedere ai nostri vigili di aumentare i controlli? io credo di sì e colgo l'occasione per scrivere che dati i commenti, spesso duri, nei confronti della polizia locale sarebbe bello se il Sindaco ammonisse  tutti coloro che adottano un linguaggio sociale poco cortese nei confronti dei nostri agenti i quali, da tempo, operano in condizioni difficili.

Per quanto riguarda la domanda: era una reale emergenza? E' una valutazione totalmente politica e personalmente credo di no. La vera emergenza, per chi conosce, quella via è il deflusso delle acque e i danni che spesso causano le forti piogge. Una soluzione che avrebbe portato via tempo e risorse indubbiamente ma una soluzione che avrebbe messo d'accordo tutti ne sono certo.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente mortale sulla superstrada: lunedì i funerali del dipendente comunale

  • Omicidio Carvone: nuovi arresti per una sparatoria

  • Violento scontro fra auto e scooter a Brindisi: grave un 15enne

  • Bollo auto non pagato: condono per importi fino a 1000 euro

  • Schiva una coltellata e costringe il bandito a mollare il bottino

  • Minacce e fucilata tra i bambini prima dell'agguato mortale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento