Intitolazione strada a Pino Indini: sì all'unanimità del consiglio comunale

Approvata la mozione presentata da Gianluca Serra. Sì anche alla variazione estiva delle corse della Stp per coprire le marine

BRINDISI – Una strada, una piazza o comunque un’area di pubblica circolazione del centro cittadino di Brindisi sarà intitolata alla memoria del poeta e scrittore Pino Indini. Il consiglio comunale ha approvato all’unanimità la proposta presentata dal consigliere comunale Gianluca Serra (Movimento 5 stelle).

Il papà di Coco Lafungia

Il tributo all’autore brindisino ha caratterizzato la parte iniziale della seduta odierna (giovedì 28 marzo), successivamente catalizzata dalla Pino Indinidiscussione dei provvedimenti riguardanti i tributi comunali.  Nato il 6 agosto 1938 e morto il 23 settembre 2006, Pino Indini negli anni ’70 creò il personaggio di Coco Lafungia. “Ha pubblicato 23 opere fra narrativa, poesia, saggistica, satira  e teatro  - si legge nei cenni biografici del sito internet www.pinoindini.it - che hanno sempre riscosso il consenso della critica ufficiale e il favore dei lettori”. 

“Si sono interessati a lui: Giorgio Barberi Squarotti, Michele dell'Aquila, Maria Grazia Lenisa, Daniele Giancane, Nino Palumbo e altri. E’ vincitore di numerosi premi letterari in tutte le regioni d’Italia per la poesia e la narrativa e, proprio per la sua intensissima  attività culturale e per la copiosa produzione editoriale, nel 1986, a seguito di referendum popolare indetto da “Quotidiano di Brindisi Lecce e Taranto”, è stato eletto cittadino più rappresentativo dell’anno”.

“Un suo volume di poesie, recensito da Evgenij Evtusenko, è stato tradotto in lingua russa e numerosi suoi scritti sono inseriti in svariate antologie italiane e straniere”. 

Corse estive Stp

Oltre al via libera alla mozione su Indini, con 15 sì, tre no e otto astenuti, è stato approvato l'ordine del giorno, presentato dal consigliere comunale Gianluca Quarta, che propone di rivedere gli orari delle corse estive dei pullman della Stp, per consentire ai cittadini di raggiungere gli stabilimenti balneari della litoranea nord di Brindisi dalla metà di maggio fino alla prima metà di settembre. 

L’ordine del giorno è stato modificato con un emendamento presentato dalla maggioranza, in virtù del quale l’estensione del servizio di trasporto pubblico sulla strada costiera dovrà essere preceduta da una quantificazione dei costi. 

Selezione scrutatori fra i disoccupati

E’ stata rinviata alla competente commissione, invece, la mozione, presentata dalla consigliera Lo Martire, sulla nomina prioritaria di disoccupati e di persone a basso reddito come scrutatori elettorali. Nessuna obiezione rispetto allo spirito della proposta. Il problema sollevato nel corso della discussione è di carattere giuridico. L’approvazione della mozione è infatti subordinata all'approvazione di un disegno di legge del movimento Cinque Stelle già approdato dalla Camera e che dovrà essere discusso in Senato, che riserverebbe ai disoccupati il 50 per cento della quota scrutatori.

Poi la seduta, che si protrarrà fino a tarda sera, è proseguita con la discussione degli argomenti “caldi”, riguardanti la modifica al regolamento per la disciplina dell’imposta unica comunale e le aliquote Tasi, Imu, Tari, oltre al nuovo regolamento Tosap. 

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Smettere di fumare: trucchi e consigli per dire addio al tabacco

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

I più letti della settimana

  • Parcheggiatore stroncato da infarto nella movida delle discoteche

  • Si apparta con la moglie di un detenuto: mamma e figli lo pestano

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Tragedia in spiaggia: anziano perde la vita mentre fa il bagno

  • Tamponamento sulla superstrada finisce con denuncia per rissa

  • Scontro sulla litoranea: mamma e due bambini in ospedale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento