E' una vera burrasca politica quella sui consulenti di Matarrelli

I consiglieri di minoranza abbandonano il consiglio: "Ci imbavagliano. Loro censurati dal prefetto"

Il sindaco Matarrelli e i suoi consulenti di staff

MESAGNE – prosegue la polemica politico-amministrativa sui consulenti designati dal sindaco Toni Matarrelli, nomine su cui pesa anche un parere critico della Prefettura e del Ministero dell’Interno. Ma ieri, martedì 26 novembre, l’atteso confronto in consiglio comunale richiesto dal Pd non è andato in scena, e la vicenda diventa sempre più calda.

Ieri i consiglieri di opposizione hanno abbandonato l’aula mentre erano in corso alcune comunicazioni del sindaco: “Lo abbiamo fatto non già per disprezzo verso le istituzioni, o per la volontà di sottrarci ad un confronto democratico nel consiglio comunale, come pure il sindaco e qualche consigliere comunale di maggioranza hanno dichiarato in nostra assenza. È vero, semmai, il contrario: ci siamo ribellati alla mancata iscrizione all’ordine del giorno del punto sulle determinazioni che intende assumere il sindaco in seguito alla nota prefettizia sui consulenti politici”, spiegano gli stessi consiglieri di opposizione in una nota diramata a 24 ore di distanza, questa sera.

“La richiesta di portare questo argomento in consiglio era stata sottoscritta da cinque consiglieri comunali e a nostra memoria mai, nel Comune di Mesagne, ad una simile proposta era stato opposto un diniego. Riteniamo che questo episodio denunci una insopportabile parzialità del presidente del consiglio, che non si è reso garante del diritto di iniziativa di ogni consigliere comunale così come la normativa vigente gli impone”, è l’accusa, del resto non nuova.

“Né ci si può nascondere dietro al fatto che questo argomento fosse già oggetto delle comunicazioni del sindaco, dal momento che lo strumento delle comunicazioni restringe molto il dibattito, concedendo una replica di pochi minuti ad un solo consigliere per gruppo e non prevendendo la possibilità di presentare ordini del giorno sui quali il consiglio si esprime con un voto”, spiegano i rappresentanti della minoranza consiliare. “Riteniamo che fosse nostro diritto discutere non tanto del parere del prefetto quanto delle determinazioni che il sindaco dovrà assumere, dal momento – si sottolinea nella nota - che la nota prefettizia richiama inequivocabilmente il Comune di Mesagne a prendere iniziative al fine di garantire ‘la regolarità dell’azione amministrativa’ al momento violata come si evince dalla stessa nota”.

Cosa dice il parere del prefetto Umberto Guidato, a proposito dei consulenti del sindaco? “Il Ministero dell’Interno ha rilevato che, nel caso di specie, difetterebbe l’esistenza di un apposito regolamento comunale che disciplini in modo specifico la modalità di promozione e partecipazione attiva della cittadinanza. Infatti non appare esimente il richiamo operato negli atti di conferimento degli incarichi in parola all’art. 98 del vigente regolamento comunale sull’organizzazione degli uffici e dei servizi in quanto detto articolo riguarda gli incarichi di studio, ricerca e consulenza e non anche le forme di collaborazione diretta dei cittadini su base volontaria come sopra delineate. Da ciò discende la necessità che il Comune di Mesagne adotti il richiesto regolamento, al fine di garantire la regolarità dell’azione amministrativa”.

Piuttosto chiaro, dicono i consiglieri di opposizione: “Ciò significa che è messa a rischio la legittimità di tutti gli atti che i consulenti politici del sindaco pongono in essere dal momento che accedono ai documenti non come sarebbe consentito ad ogni normale cittadino, utilizzano e si servono di ambienti e strumenti dell’ente e, in contrasto con gli stessi decreti di nomina, svolgono funzioni che sono riconducibili allo status di un amministratore (relazionano nelle commissioni e nei consigli comunali, rappresentano l’amministrazione nelle manifestazioni pubbliche). Ciò detto, quello messo in atto dal sindaco è un vero e proprio ampliamento surrettizio della giunta, coinvolgendo personale politico candidato nelle liste a suo sostegno o giunto in soccorso nel turno di ballottaggio. Altro che cittadini volontari”.

Illuminante, per la minoranza consiliare, la lettura della normativa in materia: “E’ prevista la possibilità di istituire uffici di supporto agli organi di direzione politica ai sensi dell’art. 90 del citato decreto legislativo (il numero 267 del 2000, ndr) che al comma 1 demanda al regolamento degli uffici e dei servizi la possibilità di prevedere la costituzione di uffici posti alle dirette dipendenze del sindaco, della giunta o degli assessori per l’esercizio delle funzioni di indirizzo e controllo loro attribuite dalla legge. Pertanto la individuazione della figura del consigliere politico non appare compatibile con l’ordinamento degli enti locali”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

  • “Bomba, se esplode città in sicurezza”. Scuole chiuse sabato e lunedì

  • Bomba, colazione e pranzo offerti dal Comune: cornetto, caffè, due panini e frutta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento