Missione alla fiera dei rifiuti, atto secondo: "La sindaca dica se fu invitata"

Cosa ci è andata a fare a Ecomondo il sindaco di Brindisi Angela Carluccio? La fiera internazionale di Rimini riservata alle imprese e alle tecnologie del trattamento e della valorizzazione dei rifiuti può essere una meta interessante per gli amministratori di una città con grosse grane nel servizio

Riccardo Rossi e Giuseppe Cellie

BRINDISI - Cosa ci è andata a fare a Ecomondo il sindaco di Brindisi Angela Carluccio? La fiera internazionale di Rimini riservata alle imprese e alle tecnologie del trattamento e della valorizzazione dei rifiuti può essere una meta interessante per gli amministratori di una città con grosse grane nel servizio di igiene urbana e nelle quote di differenziata, ma bisogna capire che la spedizione è stata una scelta autonoma dell'amministrazione comunale brindisina, oppure se si è mossa dietro invito di qualcuno.

Affiora un altro aspetto della missione a Rimini del sindaco di Brindisi, Angela Carluccio, vale a dire lo scopo della stessa, che non era stato evidenziato nell'interrogazione del gruppo consiliare del Movimento 5 Stelle sull'incongruenza di una determina che rendicontava la partecipazione non della stessa Carluccio e di un assessore, ma di almeno tre persone, con richiesta urgente di chiarimenti. Sull'aspetto delle spese, è arrivata una risposta dalla struttura comunale che parla di un mero errore nel contenuto dell'atto dirigenziale, sulle modalità e sullo scopo del viaggio a Rimini invece hanno qualcosa da dire oggi i consiglieri Riccardo Rossi e Giuseppe Cellie, del gruppo Brindisi Bene Comune-Sinistra per Brindisi.

"Abbiamo appreso dalla determina pubblicata dall’albo pretorio che la sindaca Carluccio e l’assessore Carella sono stati in missione a novembre a Rimini per partecipare alla Fiera “ Ecomondo”, una manifestazione che pone al centro la sostenibilità ed in particolare il tema dei rifiuti e delle bonifiche con la presenza di moltissime aziende espositrici. Dalla pubblicazione della determina di rendicontazione delle spese della missione  - dicono Rossi e ellie - si è aperta una questione molto delicata sulla correttezza della rendicontazione che necessariamente dovrà essere chiarita. Accanto a tale questione ci sembra importante anche avere notizie dalla sindaca sul perché si è recata a Ecomondo accompagnata dall’assessore  all’Attuazione del programma Carella e non dall’assessore all’Ambiente che in quel momento era l’avv. Silvestre, né era presente il dirigente del settore".

"Sempre da questa determina - proseguono i due consiglieri di opposizione - si nota che la sindaca rendiconta solo il biglietto del parcheggio presso la Fiera, mentre non rendiconta il biglietto di ingresso alla fiera. Vorremmo chiedere quindi alla sindaca se era stata invitata ad Ecomondo da qualche azienda espositrice che le aveva inviato quindi il biglietto gratuito d’ingresso. Non sono domande di poco conto. Ci sembra indispensabile che un sindaco, che per inciso due mesi dopo revoca la delega ad ambiente, bonifiche e rifiuti all’assessore Silvestre per trattenerle per sè, spieghi perché era ad Ecomondo, se era stata invitata e da chi. Insomma relazioni al consiglio comunale i perché di un viaggio di cui non si comprendono i motivi" E ora chi risponderà?.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Siamo alle solite. Quando ti aspetti che almeno l'ala tradizionalmente oppositrice del governo di città, si ponga in modo costruttivo per il "bene comune", ecco che si inciucia con la demenza generata da astinenza di comando. "Andiamo a comandare", il tormentone di Ravazzi, tormenta tutti. Anche la parte seria, che sembrerebbe non più tale, dello schieramento politico. Si tenta di togliere la poltrona di sotto alla sindaca in tutti i modi possibili: la causa e il bene comune lo pretendono! Finanche sapere chi l'ha invitata, con quali reconditi scopi, con quali pretese di favoritismi. Chi volendo andare in fiera non trova due biglietti gratis scaricandoli da internet? Ma tant'è: la voglia di disarcionare il cavaliere o la cavallerizza di turno, è tanta. Andiamo a comandare!

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Gambizzazione in via Cellini, chiesto il processo per tre brindisini

  • Cronaca

    Giuseppe riarrangia una hit di Don Backy: sul web il duetto

  • Cronaca

    "Truffa dello specchietto", nomade siciliano arrestato in flagrante

  • Sport

    A Torino la partita della verità per la New Basket Brindisi

I più letti della settimana

  • La sfiducia non passa: la Carluccio resta in sella grazie anche al suo voto

  • La fatina con la bacchetta magica e il dissesto del Comune di Brindisi

  • Teatro Verdi: il legale della dirigente licenziata smentisce il Comune

  • "Noi non siamo iscritti alle correnti ma al Pd, e non vogliamo scissioni"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento