Presentata mozione "contro l'autonomia del Nord contro il Sud"

Stilata e sottoscritta da un gruppo di consiglieri regionali di Pd, Gruppo misto, Forza Italia e Noi a Sinistra

“Ecco il nostro documento contro l’autonomia delle regioni del Nord. Chiediamo a tutti i colleghi consiglieri regionali di proporre modifiche e sottoscriverlo, così come chiediamo a tutti i cittadini di farci conoscere la loro opinione”.  Lo annuncia un gruppo di consiglieri regionali pugliesi di Pd, Gruppo misto e Noi a Sinistra contro l’iniziativa sostenuta dalla Lega a favore di Lombardi e Veneto, cui si è aggiunta poi anche l’Emilia Romagna. Alla mozione ha aderito anche Francesca Franzoso di Forza Italia.

La mozione da discutere in aula è stata presentata e sottoscritta dai consiglieri regionali  Fabiano Amati (Pd), Sergio Blasi (Pd), Napoleone Cera (Popolari), Enzo Colonna (Noi a Sinistra), Gianni Liviano (Gruppo Misto), Peppino Longo (Popolari), Michele Mazzarano (Pd), Ruggiero Mennea (Pd), Mario Pendinelli (Gruppo misto), Donato Pentassuglia (Pd), Francesca Franzoso (Forza Italia).

“La nostra Costituzione prevede di trattare a livello locale ciò che ha una dimensione locale alla condizione che siano preservate l’unità del Paese e l’eguaglianza dei cittadini. In questo senso, la proposta di autonomia del Nord ci sembra che presenti profili d’incostituzionalità e un conto salato per le regioni meridionali e anche per l’intero Paese.

“Ci sembra di poter dire, inoltre, che la richiesta di trasferimento delle materie – sostengono i consiglieri regionali autori della mozione - comporta un incremento di sprechi e di inefficienze, voci classiche della spesa pubblica improduttiva, perché prevedono compartecipazione delle regioni ai tributi statali e un autonomo potere di tassare che per sua natura è in grado di mettere in crisi il rapporto elettorale.

“In termini critici e contabili emergono la sanità, con i minori introiti per la Puglia stimati in 682 milioni, la scuola, con la decurtazione di 1 miliardo a danno delle altre regioni e con una riduzione degli stipendi agli insegnanti del Sud e le infrastrutture, con il trasferimento di numerose tratte stradali, autostradali e ferroviarie. Per questo auspichiamo che il consiglio regionale voti l’impegno a contrastare l’autonomia del Nord contro il Sud”.

"L' autonomia rafforzata che le tre regioni del Nord sono sul punto di ottenere sulla spinta di Salvini, riapre la ferita storica del Paese e accentua il divario esistente tra Nord e Sud. L'autonomia differenziata nient'altro è che la vecchia bandiera secessionista della Lega Nord, in salsa sovranista, un salto all'indietro che mina la coesione sociale e fa strame dei principi di solidarietà e redistribuzione. Per questo aderisco al documento dei colleghi Amati, Blasi, Cera, Colonna,Liviano, Longo, Mazzarano, Mennea, Pendinelli e Pentassuglia" ha dichiarato Francesca Franzoso, consigliere regionale di Forza Italia. 

"Le tre regioni del Nord - prosegue - non vogliono solo nuove funzioni, ma anche più risorse. Chiedono competenze per una ventina di materie, che in sostanza si traduce nel mettere mano ad un plafond da 21 miliardi di euro (la Lombardia vedrebbe crescere il proprio bilancio di più di un quarto). Immaginando il bilancio dello Stato come una torta, se Veneto, Lombardia ed Emilia Romagna si ritagliano una fetta più grande tutte le altre ne avranno una più piccola. Questo è quanto avverrà con la redistribuzione delle risorse pubbliche tra le varie regioni se dovesse attuarsi l'autonomia differenziata"

"Tutto ciò", conclude Francesca Franzoso, "è pericoloso e antistorico: chiediamo solidarietà e politiche di coesione ai nostri alleati europei e poi, nel nostro stesso Paese, le regioni del Nord lavorano per abbandonare il Sud a se stesso in preda ad un egoismo territoriale esasperato".

In allegato il testo della mozione

Allegati

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Ah si? Allora cerchiamo di darci da fare e dimostrare con i FATTI che sappiamo andare avanti anche senza di loro. Difficile eh? Combattere a chiacchiere e mozioni roboanti è facile , ma con i fatti è tutt'altra cosa, cari i politici dei miei….stop, mi fermo per autocensura. E poi si parla di "ferita storica". A cosa ci si riferisce? A quella maialata del cosiddetto "risorgimento"? Allora iniziate a dire la VERITA' su quei fatti di allora e molte cose di oggi si capiranno meglio. Il resto solo sceneggiate.

Notizie di oggi

  • Politica

    Elezioni europee: alle 19 affluenza del 34,09 per cento nel Brindisino

  • Elezioni

    Scrutinatore scatta foto a registro elettori: allontanato dalla sezione

  • Cronaca

    Malore in una casa di campagna: muore un bracciante agricolo

  • Sport

    Playoff per la Serie D: Lavello liquidato, il Brindisi vola in finale

I più letti della settimana

  • Incidente stradale nella notte: automobilista trovato morto all'alba

  • Traffico di cocaina, 18 arresti: forniture organizzate a Brindisi

  • Ospedale Perrino, donati gli organi di una donna morta a 62 anni

  • Minacciato e rapinato dell'auto: caccia ai banditi

  • Furto nella stazione di servizio: in fuga con la cassetta dei contanti

  • Notte di fuoco tra Brindisi e Mesagne: incendiate tre auto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento