Il Pd non polemizza su Almiento, "ma l'indipendenza non c'entra"

In una nota, la segreteria provinciale brindisina ricorda le tre precedenti nomine dell'avvocato alla testa della Stp

BRINDISI - Sulla nomina dell'avvocato Rosario Almiento da parte del ministro Danilo Toninelli alla presidenza delle Ferrovie Appulo Lucane, in mattinata odierna la segreteria provinciale del Pd ha diramato una nota che proponiamo integralmente.

Intendiamo esprimere le nostre congratulazioni all’avv. Rosario Almiento, presidente della STP di Brindisi, chiamato dal Ministro delle infrastrutture all’incarico di presidente delle Ferrovie Appulo-Lucane. Si tratta di un professionista brindisino che ha dato prova di competenza e capacità alla guida di una delle più importanti aziende pubbliche del territorio. 

Non intendiamo partecipare alle polemiche di queste ore sulla “appartenenza” politica di tale nomina, essendo stata proposta da un Governo a guida Lega - cinquestelle, anche se appare del tutto discutibile la rivendicazione di una sorta di “indipendenza” dalla politica, come a sostenere una specie di superiorità dei tecnici rispetto a chi quotidianamente, con generosità e gratuità, vive la politica nei partiti, nei movimenti, nelle amministrazioni locali.

In realtà, come ovunque, anche tra le espressioni della cosiddetta società civile, così come in politica, contano i buoni esempi.
Per questo ci ritroviamo nelle parole dello stesso Almiento pronunciate in occasione della sua conferma al vertice della STP lo scorso 20 aprile quando egli ebbe a dichiarare che “il recente rinnovo del CdA di STP Brindisi è frutto di un proficuo accordo raggiunto dalle forze politiche che governano la Provincia con il supporto del commissario prefetto Giuffrè, con il chiaro obiettivo di dare continuità ad un progetto esemplare di buona politica e di ottima gestione di un patrimonio pubblico importante come l’azienda che gestisce il trasporto pubblico a Brindisi ed in Provincia”.

Siamo orgogliosi di aver partecipato a scrivere quella pagina di buona politica, nel caso della STP di Brindisi per ben tre volte quando, grazie ad amministrazioni guidate dal PD e dal centro sinistra, e non per caso fortuito, si sono fatte scelte così qualificate, ben lontane dalle logiche spartitorie e lottizzatrici del passato e alle quali ha fatto ricorso già più volte, invece, anche questo governo. Aver rinunciato a rivendicare con coerenza di essere stato scelto e premiato da quella buona politica per rifugiarsi in una “indipendenza” buona per tutte le stagioni è una valutazione dell’avv. Almiento, per noi resta l’orgoglio di esserne stati protagonisti.

Alla sua sensibilità lasciamo la valutazione sulla opportunità di gestire due così impegnativi incarichi e gli auguriamo sinceramente buon lavoro nel nuovo importante incarico, con l’auspicio che la indipendenza rivendicata possa essere ricambiata, da chi oggi guida il paese, con la stessa “garanzia e rispetto per l’autonomia gestionale” che le amministrazioni di centro sinistra hanno potuto assicurare senza ombra di dubbio per tutti questi anni alla STP di Brindisi.

Potrebbe interessarti

  • Dopo Ferragosto, in forma con la dieta detox

  • Potassio, usi e benefici: perché assumerlo e gli alimenti che lo contengono

  • Falsi amici: gli alimenti che mangi per dimagrire, invece fanno ingrassare

  • Topi, sporcizia e inciviltà: il parco del Cillarese sprofonda nel degrado

I più letti della settimana

  • Tragedia sulla superstrada: camionista travolto e ucciso da un'auto

  • "Hanno aiutato il nostro bimbo, aiutateci a rintracciarli e ringraziarli"

  • Pulmino si schianta contro un albero: feriti sette braccianti, due sono gravi

  • Locali e attrezzature sporchi e ragnatele sulle pareti: chiuso panificio

  • Incidente al solito incrocio tra le provinciali: coinvolti due auto e un camion

  • Auto si ribalta sulla superstrada: illesi tre giovani brindisini

Torna su
BrindisiReport è in caricamento