Nucleare: nuova interrogazione dei senatori Pd

“Marcia indietro del Governo sul ritorno al nucleare in Italia? Dopo un mese dall'approvazione del decreto legislativo che fissa i criteri per la localizzazione dei nuovi impianti nucleari e del deposito nazionale per lo smaltimento delle scorie radioattive non c’è traccia nella Gazzetta Ufficiale del provvedimento”. E’ quanto dichiarano i senatori del Pd.

Salvatore Tomaselli

“Marcia indietro del Governo sul ritorno al nucleare in Italia? Dopo un mese dall'approvazione del decreto legislativo che  fissa i criteri per la localizzazione dei nuovi impianti nucleari e del deposito nazionale per lo smaltimento delle scorie radioattive non c’è traccia nella Gazzetta Ufficiale del provvedimento”.

E’ quanto dichiarano i senatori del Pd  Bubbico, Chiti, De Luca, Della Seta, Ferrante, Mazzucconi, Molinari, Ranucci e Tomaselli, che sull'argomento hanno presentato una nuova interrogazione al Ministro Scajola.

“Sarebbe - spiega Salvatore Tomaselli - un’ottima notizia se questo ritardo fosse il frutto di un rinsavimento del governo sulla scelta del nucleare, ma molto più probabilmente si tratta solo del tentativo di guadagnare tempo in vista delle regionali, facendo credere agli elettori che il centrodestra non vuole più le centrali”.

E la polemica non si ferma: “Secondo notizie riportate da vari quotidiani – continuano i senatori del Pd -  ad impedire finora la pubblicazione del decreto sulla Gazzetta Ufficiale sarebbero state alcune divergenze o incomprensioni tra il ministero della Giustizia e quello dello Sviluppo Economico. Firmato dal Presidente Napolitano il 15 febbraio, ultimo giorno utile per esercitare la delega, il provvedimento è stato infatti immediatamente trasmesso dal Quirinale al ministero di Via Arenula per il vaglio finale del testo che precede il visto del Guardasigilli e quindi la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale. Vaglio da cui sarebbero emersi alcuni errori materiali e incongruenze. Di qui il rinvio del decreto al ministero dello Sviluppo Economico per le correzioni. Il testo corretto sarebbe poi stato ritrasmesso al ministero della Giustizia già diversi giorni fa, ma la pubblicazione sulla Gazzetta Ufficiale per ora non c'è stata”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La chiosa è tutta politica: “Insomma – concludono i parlamentari del Pd -  non c’è tema su cui questo Governo e questa maggioranza non esercitino il loro pressapochismo, che si tratti di liste elettorali come di un contestatissimo quanto pericoloso ritorno all’energia atomica nel nostro Paese. L'Italia avrebbe invece un disperato bisogno di una politica energetica in linea con i grandi Paesi industrializzati, anche quelli che il nucleare non l'hanno mai abbandonato, che incentrano le proprie politiche di innovazione energetica sul risparmio, sulle fonti rinnovabili, sulla ricerca, vedendo in tali opzioni le strade maestre per fronteggiare i problemi ambientali legati ai cambiamenti climatici e per rendere le proprie economie più moderne e competitive”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sbarco in piena pandemia: decine di migranti rintracciati a Cerano

  • Altri 23 casi in provincia di Brindisi: il bilancio sale a quota 148

  • Addio a Nanuccio il pescatore: da 12 giorni attendeva l'esito del tampone

  • Tre nuovi contagiati nel Brindisino e sei persone decedute

  • Azzeramento dei contagi in Puglia: le proiezioni di un centro di ricerca

  • Scu, si è suicidato il pentito Sandro Campana: accusò il fratello Francesco

Torna su
BrindisiReport è in caricamento