"La sinistra per una riconversione ecologica dell'economia brindisina"

Riaprire il cantiere delle idee innovative per la città, ma con uomini nuovi. I dati su lavoro, Pil e salute sono allarmanti

Malgrado i tanti dati negativi che periodicamente  vengono forniti sullo stato di disagio in cui versa la città, è difficile ascoltare o leggere autocritiche così come inesistenti o  inconsistenti  sono ormai le  reazioni. Come se si avesse paura della verità o di dire la verità.

Se si escludono i periodici gridi di allarme dei sindacati, e se non fosse per alcuni organi di informazione, molti di questi dati scomparirebbero il giorno dopo la loro pubblicazione. Infatti anche quando vengono denunciati sono immediatamente  rimossi per paura di dover trarne le conseguenze. Subalternità, ipocrisia la fanno da padrone.

Povertà crescente, stagnazione dello sviluppo, fragilità del mercato del lavoro, mancanza di innovazione, efficienza amministrativa carente, sicurezza e legalità, sono questioni che se i benpensanti tendono a rimuovere, esse incidono sul tessuto del vivere quotidiano e nei sentimenti popolari.

La crescita esponenziale del M5S, il crollo della sinistra

E non è un  caso se in tutte le tornate elettorali, dal 2013 fino alle ultime del 4 marzo scorso, il Movimento 5 Stelle è in città il primo partito. Le tradizionali forze politiche con il sostegno delle liste civiche locali perdono da tempo credibilità e consenso. In queste ultime elezioni il M5S poi hanno raggiunto  il 52% e in alcuni quartieri popolari addirittura il 58% dove il Pd assieme a liberi e uguali non supera il 5%!

Il Petrolchimico e le Isole Pedagne-2

Parlare di sradicamento di tutte le forze di sinistra dai quartieri popolari è dire poco. Di tutto questo non si intravede una adeguata consapevolezza né un barlume di analisi;  è in atto un processo di rimozione degli stessi dati elettorali. È come se ci fosse un rifiuto a capire perché si sono persi tanti voti popolari e che in città sono tantissimi.

Capire, studiare, approfondire e ritornare a lottare. La sinistra e quanti ad essa si richiamano devono uscire dai recinti dorati e autoreferenziali per immergersi nella realtà cittadina. Tornare ad essere popolare non sarà facile ma bisogna iniziare e “mettere i piedi nel fango”. Una sinistra senza popolo non è sinistra.

Ci vorrebbe una maggiore conoscenza della realtà, una umiltà e una disponibilità intellettuale che la città sembra aver perso. Si sente e pesa la mancanza  di una borghesia pensante e disponibile a lavorare per interesse generale e per la città. La rottura con il passato non significa  solo un passo indietro di chi nel bene e nel male ha avuto direttamente o indirettamente le sue responsabilità politiche e amministrative,  ma un profondo cambiamento di cui la città ha bisogno per essere  aiutata a credere in se stessa per ritrovare la energia necessaria alla fuoriuscita dal tunnel in cui è stata portata.

Ci vogliono novità forti e da costruire con il necessario coraggio se si vuole fronteggiare una crisi sociale, economica, morale della dimensione che statistiche e dati ci sbattono ormai da tempo in faccia. Le prossime elezioni amministrative saranno uno spartiacque e saranno forse l’ultima occasione per dare una risposta alla domanda di cambiamento diffusa in città.

Forte a Mare-Porto Brindisi (3)-2

I dati statistici sono in rosso

Lo stato di salute della popolazione è a dir poco allarmante (lo dicono tutti i dati relativi alla mortalità, alla diffusione di malattie da tumore, di malattie rare che a Brindisi sono meno rare che altrove). La disoccupazione generale in città ha raggiunto il 35% e quella giovanile il 60%.

Da anni si assiste al decremento demografico (si fanno sempre meno figli e i giovani vanno via). Il Pil mentre in Puglia cresce del 1,2% a Brindisi solo dello 0,9% (ultima città pugliese). La cassa integrazione e la mobilità sono in aumento, imprese storiche brindisine vedono aumentare le proprie difficoltà e rischiano ormai  di fallire o di chiudere.

Il vecchio modello di sviluppo non solo non garantisce più i vecchi livelli ccupazionali e produttivi, ma è diventato esso stesso un ostacolo a dare un futuro alla città dopo averla utilizzata, inquinata e resa marginale. Rottura con il passato significa anche questo: liberarsi del pesante fardello del vecchio modello di sviluppo, delle sue dinamiche, dei riti e dei protagonisti che lo hanno contraddistinto e sostenuto.

Fare i conti con la realtà e con i dati è la precondizione per una proposta credibile di cambiamento. Ci vogliono idee nuove, donne e uomini coraggiosi e non impigliati nei vecchi meccanismi del potere per ridare a Brindisi una nuova collocazione e una attrattività  non solo di investimenti ma anche di funzioni adeguate alle sue potenzialità.

La centrale di Cerano vista Brindisi

Sarebbe necessario, per esempio, un patto per una “riconversione ecologica della economia brindisina” con l’obiettivo di dare prime risposte, credibili, innovative e sostenibili, alla dimensione della domanda di lavoro che si è sedimentata in città che l’attuale assetto produttivo non è in grado non solo di soddisfare ma neanche di prendere in considerazione.

Un nuovo modello di sviluppo

Un piano da realizzare gradualmente ma con convinzione e determinazione a partire da quello che sarà necessario per governare il processo di chiusura della centrale Enel di Cerano prevista per il 2025. Ecco, Brindisi avrebbe bisogno di scelte chiare e per esse andrebbe chiamata tutta la città a lottare sbarazzandosi di tutte quelle  mediazioni e di quei sotterfugi dei soliti noti che sanno tanto di doppiezza e ipocrisia e che sono ormai solo dei sepolcri imbiancati.

A Brindisi, in questa lotta per il cambiamento, una sinistra che si unisce e ritorna a fare la sinistra (stare dalla parte di chi ha bisogno, dei perdenti e non dei vincenti della globalizzazione) è chiamata a dare il suo contributo di idee, di innovazione coraggiosa,  per costruire strumenti associativi e di comunità mettendo a disposizione, donne e uomini nuovi e competenti.

Si tratta di aprire un cantiere in cui a lavorare siano chiamati in tanti e in tante che con le loro differenze, le loro storie, le loro reciproche  diffidenze, ritrovino l’energia per mettersi in marcia per una sinistra popolare, ricca di tensione e di passione e capace  di elaborare proposte realizzabili e di rottura con il passato. La convergenza  cercata e trovata su Riccardo Rossi ha aperto il cantiere. Chi vuole lavorare per il cambiamento a Brindisi trova porte aperte.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Non appaiono dubbi che, sulla scia dei principi di politica economica, per il territorio brindisino e per la città capoluogo è avvertita l'esigenza dell riconversione dell'economia. Si tratta intanto di delineare i profili dei settori produttivi da privilegiare ancorchè necessaria risulta la individuazione delle risorse umane da adibire per detti settori. E' evidente che in generale qualsiasi tipo di innovazione dovrebbe passare attraverso nuovo personale ed è questo l'impegno da assumere e tenere sempre da conto. Certamente un nuovo modello di sviluppo produttivo da progettare unitamente con uomini e donne liberi da lacci e lacciuoli è presupposto valido perchè questa città assuma la centralità di punti di attrazione oltre che sul piano della domanda e offerta di lavoro anche di avanguardia nell'assunzione di responsabilità politiche di cui ha bisogno. Le imminenti elezioni amministrative possono costituire l'occasione per l'inizio di un nuovo percorso per questa città. Franco Leoci

Notizie di oggi

  • Cronaca

    "Troppe le sfiammate, una commissione cercherà delle soluzioni"

  • Politica

    Scontro sulle nomine Fal: "Rischiamo ritardi nelle nuove opere"

  • Cronaca

    Va a rubare in chiesa, ma il parroco lo scopre. Arrestato un brindisino

  • Cronaca

    Esce da casa e non dà più notizie: attivate le ricerche di un 62enne

I più letti della settimana

  • Saccheggiata piantagione di canapa light: "Dovrò emigrare di nuovo"

  • Controlli a sorpresa ai proprietari di animali domestici: una multa

  • Auto contro moto nel centro abitato: tre persone in ospedale

  • Nonno Vito, troppa foga: stava verniciando pure la cattedrale

  • "Dammi i soldi e nel cantiere non succederà nulla": arrestato

  • Ladri indisturbati nella sede della Protezione Civile: bottino ingente

Torna su
BrindisiReport è in caricamento