Società partecipate: diffida al Comune di Carmela Lo Martire

“Chiarimenti entro 48 ore su contenziosi Farmacie e mansioni lavoratori Energeko, o andrò dal prefetto”

Riceviamo e pubblichiamo una nota della consigliera Carmela  Lomartire sulle società partecipate Farmacie comunali ed Energeko

Sono costretta a chiedere l’intervento del prefetto di  Brindisi, nel caso in cui, nelle prossime 48 ore, non dovesse esserci alcuna risposta del Comune alle reiterate richieste che la sottoscritta ha presentato ai competenti settori dell’Amministrazione per avere chiarimenti sulla gestione delle società partecipate, dalla Servizi Farmaceutici alla Energeko, prossima alla fusione per incorporazione nella Multiservizi.

Devo prendere atto e rendere pubblico l’assordante silenzio del Comune. Non c’è mai stata risposta da parte dell’Amministrazione e per questo motivo ho diffidato l’Ente con nota inviata al segretario generale Pasquale Greco, al dirigente delle partecipate Angelo Roma e all’assessore ai Servizi finanziari Cristiano D’Errico, a fornire notizie sui seguenti aspetti: il primo riguarda contenziosi azionati da alcuni dipendenti o ex della Servizi farmaceutici, ai quali ha genericamente fatto riferimento l’amministratore unico in una riunione di Commissione, l’altro attiene (ma questa è richiesta ultima) ad alcuni lavoratori della Energeko inquadrati come operai, ma di fatto in servizio con mansioni di ispettori, essendo deputati al controllo (ispezione, appunto) degli impianti termici. Dall’organigramma aziendale, ho appreso che il contratto non corrisponde alle attività svolte quotidianamente.

Se nei prossimi due giorni, a far data da lunedì 10 giugno 2019,non riceverò risposta, sarò costretta a chiedere un incontro con il Prefetto di Brindisi al quale riferirò anche della mancata risposta ad altre richieste dove, a mio parere, vi sono estremi di danno erariale (quale la concessione ad uso gratuito a spese del comune  e cioè dei cittadini, del centro cottura). Non credo che, allo stato, ci siano altre possibilità. Ricordo che sussiste l’interesse dell’Amministrazione a verificare la gestione delle partecipate, stando al regolamento secondo cui “l’Ente effettua il monitoraggio periodico sull’andamento delle partecipate, analizza gli scostamenti rispetto agli obiettivi assegnati e individua le opportune azioni correttive, anche in riferimento a possibili squilibri economico finanziari rilevanti per il bilancio dell’Ente stesso”.

Sempre a norma del regolamento, il Comune svolge il “controllo sulle modalità di gestione delle società controllate attraverso gli schemi di regolamenti di cui le società e gli enti controllati si devono dotare in materia di assunzioni, esecuzione di lavori  in economia, forniture, affidamento di incarichi professionali”.

Fino ad ora, non c’è stata alcuna risposta e di conseguenza è mancato il confronto democratico sulla gestione di cosiddetti enti di secondo grado, la sua storia economico finanziaria ha conseguenze sulle condizioni di salute del Comune di Brindisi, come ci ha insegnato per anni il caso della Multiservizi.

Potrebbe interessarti

  • Rimedi e soluzioni per pulire il box doccia

  • Farmaci generici e farmaci di marca: sono uguali?

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Come organizzare una cena a buffet a casa

I più letti della settimana

  • Cadavere di un uomo nella zona industriale: trovata pistola, un colpo al petto

  • Rapina alla posta: arrestati tre fratelli, uno era in crociera

  • Ritrovato il giovane mesagnese scomparso a Milano ad aprile scorso

  • Vessata per 18 anni dal marito e dalla suocera: l'incubo di una donna

  • Abusi sessuali sulle nipotine minorenni: arrestato il nonno

  • Tir si ribalta, poi tamponamento a catena: doppio incidente sulla statale

Torna su
BrindisiReport è in caricamento