“Sconti per favorire investimenti”

BRINDISI – Dal Comitato Provinciale per l’Economia e il Lavoro (Cpel) la ricetta per combattere la crisi: “Le imprese che vorranno investire nel nostro territorio dovranno acquistare i terreni delle aree industriali ad un prezzo concorrenziale; proporremo a queste imprese uno sconto del 20% sull’energia e una riduzione del costo del lavoro. Per fare questo tutti dobbiamo essere d’accordo: Provincia, Asi, Comune, Enel, Camera di commercio, Autorità portuale, Confindustria e sindacati”. A farsi portavoce della proposta è stato Massimo Ferrarese, che nel pomeriggio ha radunato nel Salone di rappresentanza della Provincia il Comitato Provinciale per l’Economia e il Lavoro, per illustrare i contenuti del “Patto per Brindisi”.

Massimo Ferrarese

BRINDISI – Dal Comitato Provinciale per l’Economia e il Lavoro (Cpel) la ricetta per combattere la crisi: “Le imprese che vorranno investire nel nostro territorio dovranno acquistare i terreni delle aree industriali ad un prezzo concorrenziale; proporremo a queste imprese uno sconto del 20% sull’energia e una riduzione del costo del lavoro. Per fare questo tutti dobbiamo essere d’accordo: Provincia, Asi, Comune, Enel, Camera di commercio, Autorità portuale, Confindustria e sindacati”. A farsi portavoce della proposta è stato Massimo Ferrarese,  che nel pomeriggio ha radunato nel Salone di rappresentanza della Provincia il Comitato Provinciale per l’Economia e il Lavoro, per illustrare i contenuti del “Patto per Brindisi”.

Obiettivo: dare impulso alle politiche di rilancio per il territorio attraverso una serie di proposte finalizzate a renderlo competitivo e attrattivo per le imprese.

“La situazione sotto l’aspetto occupazionale –ha esordito Ferrarese – per quanto possa essere sotto controllo, è drammatica non solo a livello nazionale ma anche locale. Il nostro territorio non ha mai avuto una presenza industriale autoctona. Tutte le grandi imprese vengono da fuori, quelle del settore chimico, energetico e dell’aeronautica. Oggi vogliamo creare le migliori condizioni di investimento. Da questo punto di vista abbiamo alcune infrastrutture, come l’aeroporto, che sono solide e in positivo; altre, come il porto, che non producono sia quelle che sono le nostre aspettative, che le potenzialità concrete che potrebbero esprimere”. “Brindisi – ha proseguito il presidente della Provincia - offre una retroportualità di tutto rispetto. Occorre allora che il nostro territorio abbia una piattaforma logistica come gli altri capoluoghi pugliesi e di questo come Cpel invieremo una nota sia al Governo che alla Regione. E’ necessario riperimetrare l’area a rischio ambientale e procedere alle bonifiche”.

Il messaggio è chiaro: “Nel maggiore momento di crisi che stiamo attraversando – taglia corto Ferrarese - dobbiamo dare un segnale forte, ognuno per le proprie competenze e possibilità, per attrarre nuovi investimenti e produrre nuovi posti di lavoro sia per rimettere nel ciclo produttivo coloro che ne sono usciti che per dare ai nostri giovani opportunità diverse rispetto all’andare altrove per cercare lavoro”.

Ferrarese è poi passato nel dettaglio a illustrare le proposte del Patto. Nel corso dell’incontro del Cpel tutte le parti hanno convenuto sulla validità della proposta di fondo per un rilancio concreto del territorio sia per quanto riguarda l’economia che il lavoro. E nei prossimi giorni gli enti chiamati in causa e le parti sociali diranno la loro, anche attraverso ulteriori soluzioni integrative.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • L'ultimo saluto a "Donna Jolanda" tra lacrime e lunghi applausi

  • Morta la mamma di Albano Carrisi, la sua "origine del mondo"

  • Assalto armato al bar: un cliente dà l’allarme, banditi subito circondati

  • I fratelli Gargarelli di Brindisi conquistano la finale di Tu sì que vales

  • Ciao Grazia, mamma coraggiosa: borsa di studio per i suoi due bimbi

  • Bomba, sindaco firma ordinanza per evacuazione: denuncia per chi resta

Torna su
BrindisiReport è in caricamento