Articolo di un dirigente comunale crea un caso politico

Liberi e Uguali chiede che la giunta prenda le distanze da Nicola Zizzi, che attacca Vittorio Bruno Stamerra ma anche la sinistra

BRINDISI - Ha creato un incidente politico a palazzo di città un articolo del dirigente comunale Nicola Zizzi apparso alcuni giorni fa sul periodico brindisino "Il7", in cui l'autore si scaglia contro Vittorio Bruno Stamerra ed i contenuti degli articoli a sua firma pubblicati da BrindisiReport, riguardanti la gestione e la promozione degli eventi culturali. Secondo il comitato cittadino di Liberi e Uguali, Zizzi avrebbe passato il segno tirando in ballo nelle sue considerazioni la sinistra locale e quella nazionale, e di ciò Leu chiede al sindaco Riccardo Rossi che l'amministrazione comunale, di cui Liberi e Uguali fa parte, prenda le distanze dalle affermazioni di Zizzi  Non si tratta di una censura, precisa Leu in un comunicato, ma di una questione di opportunità amministrativa dato il ruolo che il dirigente ricopre. Ecco il testo della nota di Liberi e Uguali.

"Il dirigente comunale Zizzi dalle pagine di un settimanale si è lanciato in valutazioni di carattere politico, gratuite e denigratorie sulla sinistra, parte della coalizione politica al governo della città, travalicando il proprio ruolo. Le sue opinioni vanno certamente rispettate se non fossero espresse da un dirigente a cui l’organo politico ha affidato responsabilità amministrative e di rilievo. Dall’ intervento del dirigente parrebbe che non abbia preso molto bene un intervento del giornalista Vittorio Stamerra su alcune questioni riguardanti la gestione della Fondazione Teatro Verdi in particolare e della cultura in città in generale", si legge nel comunicato di Leu Brindisi.

"Ci pare strano che a fatti ben circostanziati espressi dal giornalista, il dirigente, sostituendosi all’organo politico,non risponda nel merito ma si scagli in generale sul mondo della sinistra, utilizzando banali luoghi comuni come il più becero degli haters da tastiera. Ravvisiamo scarsa deontologia e poca professionalità in tutto ciò. Non è in discussione la sua libertà di opinione, anzi ne apprezziamo la franchezza anche se contrasta con la sua predisposizione al potere e alla sua gestione 'a prescindere'. Ci saremmo aspettati dal dott. Zizzi, invece una sua  risposta di merito da sottoporre con una nota alla giunta per rispondere eventualmente alle osservazioni di Vittorio Stamerra. Questa è la sua funzione. Questo dovrebbero fare dirigenti seri e responsabili", prosegue la nota del comitato cittadino di Liberi e Uguali.

"Invece sembra più un tentativo di confondere le acque per buttare la vicenda in rissa quasi che il dirigente avesse la coda di paglia per i fatti messi alla luce. Chiamare in causa la sinistra anche con il tentativo miserevole di sbeffeggiarla(è diventata ormai una moda che appassiona solo mediocri, rancorosi e frustrati) è non solo offensivo nei confronti di chi la rappresenta ma inopportuno, non corrispondente alla evidenza di fatti ed ingiurioso nei confronti di opinioni altrui. Come formazione di sinistra al governo non consentiamo che il nostro impegno politico quotidiano, fatto di lavoro e sacrificio a servizio per quei valori della sinistra in cui crediamo sia deriso e sbeffeggiato da un funzionario dell’amministrazione al governo della quale i cittadini ci hanno posto".

"Esigiamo pertanto - si legge in conclusione nella nota - che l’amministrazione prenda distanza da tali atteggiamenti e posizioni e valuti, se ce ne fossero le condizioni, la compatibilità di questo dirigente con i ruoli che riveste. Non è la nostra una censura ma solo una questione di coerenza politica e di opportunità amministrativa".

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Il documento di risposta del Comitato Cittadino Liberi e Uguali all'articolo del dirigente del Comune, Nicola Zizzi, non è condiviso dallo scrivente innanzitutto per la contraddittorietà che si riscontra e cioè per la dicotomica affermazione che se da una parte evidenzia che non è in discussione la libertà di opinione del dirigente del quale se ne apprezza la franchezza, il rispetto delle opinioni che non meritano censure,dall'altra rileva la scarsa deontologia e professionalità, la valutazione politica di atti gratuiti e denigratori sulla sinistra. Eppoi, stucchevole, per usare un eufemismo, appare lo stupore del Comitato nei confronti del dirigente che non ha provveduto ad inviare alla Giunta comunale osservazioni nei confronti di un giornalista che ben conosce il suo "mestiere". La verità è un'altra e nasce dallo studio forzato della spinosa materia di gestione dell'Ente Locale che avrebbe condotto il suddetto Organo politico a chiudere il documento in parola non con l'invito al Sindaco ad adottare i provvedimenti del caso, semmai attendendo brevemente il tempo necessario al fine della eventuale autonoma decisione dell'Organo abilitato a definire il fatto che è il Nucleo di Valutazione presieduto dal Segretario generale. Bene avrebbe fatto, secondo norma, l'Organo politico a richiamare dai suoi rappresentanti in Assemblea o in Giunta il vertice amministrativo dell'Ente (sempre il segretario generale) al fine di verificare e reprimere EVENTUALI responsabilità amministrative correlate alle proprie responsabilità dirigenziali. Probabilmente qualche provvedimento potrebbe assumere un profilo diverso e verosimilmente si potrebbe far luce sulle ragioni, senza verifica di polvere sotto i tappeti, della devianza conosciuta dai dirigenti della situazione contabile dell'Ente a distanza di mesi. Brindisi, 05/01/2019 Franco Leoci

  • Giustissimo, io prenderei provvedimenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Auto in fiamme a Sant'Angelo e Acque Chiare: bimba in ospedale

  • Cronaca

    Il nuovo questore: “Sono sempre stato poliziotto da marciapiede”

  • Cronaca

    Tedesco: “Sono io quello della rapina, ho sbagliato”. Protino: “Non ne so niente”

  • Economia

    Elezioni Rsu: Filctem Cgil primo sindacato in Sait, Bsg e Versalis 

I più letti della settimana

  • Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Tragedia sulla strada Ostuni-Montalbano: morti due ragazzi

  • Tragedia sulla provinciale: oggi l'ultimo saluto a Sarah, Giulia e Davide

  • Auto contro scooter nel centro abitato: un 14enne in Rianimazione

  • Rapinatori nell'ufficio postale del Casale: "Tranquilli, vi vogliamo bene ragazzi"

  • Trasportavano parti auto rubata: inseguiti e presi dalla Polstrada

Torna su
BrindisiReport è in caricamento