"Torna a casa": le proposte per la città dei giovani fuori sede

Oltre un centinaio i partecipanti all’evento “Torna a casa: ritorno di idee", organizzata dal movimento Ora tocca a noi

BRINDISI - Oltre un centinaio i partecipanti all’evento “Torna a casa: ritorno di idee dei fuorisede brindisini” organizzato dal movimento “Ora tocca a noi” presso la sala “Mario Marino Guadalupi” del Comune di Brindisi. L’assemblea rappresentava il primo giro di boa della campagna “Torna a casa” che ha visto l’istituzione di gruppi di lavoro nelle principali sedi universitarie italiane con l’obiettivo di traslare a Brindisi le buone pratiche di amministrazione che i ragazzi fuorisede nelle città di Milano, Torino e Bologna hanno approfondito nei momenti di condivisione.

La conferenza è stata aperta dal capogruppo in Consiglio Comunale Giulio Gazzaneo che, dopo aver presentato l’iniziativa, ha esposto i progetti e percorsi avviati in questi primi mesi di amministrazione attraverso l’impegno e il contributo del movimento Ora tocca a noi. Successivamente hanno preso la parola i rappresentanti dei gruppi di lavoro delle varie città: Giuseppe Frigione per Bologna, Giuseppe Muto per Milano e Gianmarco Fontana per Torino, presentando le idee elaborate nel corso di questi mesi.

I residenti nella città emiliana hanno approfondito la scelta effettuata dall’amministrazione bolognese di favorire lo sviluppo dei “T-days”, i quali prevedono la chiusura al traffico veicolare delle importanti Via Indipendenza e Via Rizzoli, favorendo così il passeggio pedonale attraverso il rilascio di appositi nullaosta per permettere ad artisti di vario genere di esibirsi ed esporre le proprie opere: l’idea è quella di poter applicare tale iniziativa anche per i corsi della città di Brindisi, incentivando commercianti e artisti ad animare le strade del centro aumentandone l’attrattività.

I giovani milanesi, invece, hanno scelto di focalizzare l’attenzione sul tema dei trasporti pubblici: dopo aver analizzato l’importante sistema meneghino, la proposta presentata ha considerato la necessità di rendere più accessibile e “smart” la fruizione dei mezzi pubblici: rilancio di un’app per dispositivi mobili che possa, in tempo reale, fornire indicazioni circa il percorso delle linee (attraverso la geolocalizzazione dei mezzi), oltre che rendere possibili servizi accessori quali l’acquisto dei titoli di viaggio e la ricezione di comunicazioni di servizio; ammodernamento delle fermate principali dotandole di schermi a led che forniscano informazioni sui tempi di attesa dei mezzi.

Infine, i ragazzi di Torino hanno presentato 3 idee diverse: la prima ha attenzionato l’importante tema del decoro urbano, analizzando la già esistente app “WeDU! – Decoro Urbano” cui il Comune di Brindisi ha aderito, l’idea è quella di sensibilizzare maggiormente la cittadinanza all’utilizzo di questo supporto attraverso la locazione di “QR Code” in punti strategici della città. La seconda proposta riguarda la possibilità di istituire uno spazio di co-working, finanziato in parti uguali dalle Università interessate e dal Comune, per permettere a giovani universitari, attraverso borse di collaborazione, di offrire un servizio che permetta ai ragazzi degli istituti primari e secondari di essere aiutati nel loro percorso di studi, a costo zero per le famiglie. L’ultimo tema ha riguardato l’elaborazione del nuovo P.U.G. cittadino che, proprio in questi mesi, ha visto una serie di eventi partecipati organizzati dall’amministrazione: l’idea è quella di organizzare con l’Assessore all’Urbanistica, il prof. Dino Borri, un incontro partecipato focalizzato sulle visioni e gli spunti dei giovani, presumibilmente nel periodo delle festività pasquali così da coinvolgere i tanti studenti fuorisede interessati alle materie affini al P.U.G.

Al termine della presentazione delle idee, numerosissimi sono stati gli interventi dalla platea: oltre alle congratulazioni per l’iniziativa, sono stati forniti spunti, idee, proposte su tante altre tematiche che certamente il movimento terrà in considerazione per cercare di rispondere a 360° alle esigenze dei cittadini.

I gruppi di lavoro nei prossimi mesi continueranno a contribuire in forma permanente alla nostra attività sul territorio cittadino e le proposte già elaborate verranno approfondite e presentate al Consiglio Comunale nei prossimi mesi.

L’assemblea ha visto la presenza dell’Assessore alle Politiche Giovanili Roberto Covolo e del Sindaco di Brindisi Riccardo Rossi, i quali hanno chiuso i lavori con due interventi che hanno confermato quanto l’amministrazione in questi mesi stia lavorando con attenzione e su più fronti sulle tematiche legate alle politiche giovanili.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Meglio poco che niente. D'altronde che possono fare questi ragazzi? Almeno la buona volontà ce la stanno mettendo. Speriamo bene…….

Notizie di oggi

  • Cronaca

    “Ero io quello armato nella gioielleria: pistola vera, ho esploso due colpi in alto”

  • Cronaca

    Spaccio, vandalismo e schiamazzi: parco Cesare Braico chiuso di notte

  • Cronaca

    Trovate tele rubate a pittrice palestinese: una denuncia per ricettazione

  • Economia

    Scuole, strade ed edifici pubblici: "Contributo statale per 15 Comuni"

I più letti della settimana

  • Rapina con spari nella gioielleria del centro commerciale. Presi i banditi

  • Assalto nella gioielleria Stroili: ecco chi sono gli arrestati

  • Colpi di pistola in Largo Concordia: un ferito tra i giovani del sabato notte

  • Settimana corta alla scuola media: "Docenti ignorati". E' scontro

  • Auto si schianta contro palo e travolge veicoli in sosta: grave un giovane

  • Assalto all'alba a un Tir che trasportava tabacchi: ferito il conducente

Torna su
BrindisiReport è in caricamento