Vendola alla sfida delle primarie Pd

BARI – Nichi Vendola, leader di Sel, rompe ogni titubanza e annuncia sulle sue pagine Facebook e Twitter, la sua candidatura alle primarie di centro sinistra per la scelta del leader che andrà a sfidare il centro destra. “Per scacciare il fantasma del Monti bis e trasformare le primarie, da ennesima faida di partito a occasione di svolta per il Paese, ci vediamo al Mav di Ercolano, sabato 6 ottobre alle 18. Accetto la sfida: per vincerla”.

Vendola

BARI Nichi Vendola, leader di Sel, rompe ogni titubanza e annuncia sulle sue pagine Facebook e Twitter, la sua candidatura alle primarie di centro sinistra per la scelta del leader che andrà a sfidare il centro destra. “Per scacciare il fantasma del Monti bis e trasformare le primarie, da ennesima faida di partito a occasione di svolta per il Paese, ci vediamo al Mav di Ercolano, sabato 6 ottobre alle 18. Accetto la sfida: per vincerla”.

Con questo slogan ha dato oggi il buongiorno, il presidente della Regione Puglia, confermando infine la sfida a Pierluigi Bersani e Matteo Renzi. La settimana scorsa lo aveva scritto sul suo sito ufficiale e annunciato in qualche manifestazione, che avrebbe sciolto la riserva sulla sua candidatura alle primarie per il centro sinistra ad inizio ottobre. Ha mantenuto la promessa, Nichi Vendola.

Con il messaggio di questa stamattina Vendola smentisce tutte le voci che lo volevano fuori dalla corsa per la guida dello schieramento per favorire la vittoria di Bersani contro Renzi (che dagli ultimi sondaggi sarebbe il favorito, ndr). Il primo appuntamento, quindi, per il governatore in carica della Puglia, è per il prossimo 6 ottobre al Mav di Ercolano (Na) alle ore 18. Nella stessa giornata, a Roma, si terrà l’Assemblea Nazionale del Pd presso l’Hotel Ergife, dove si vareranno le nuove regole per le primarie.

Le ipotesi, ad oggi, sui requisiti sono ventimila firme da raccogliere intorno a un nome per candidarsi; la consegna di una tessera elettorale di “sostenitore del centrosinistra” che da diritto a votare; il doppio turno, nel caso nessuno sfidante ottenesse il 50% dei consensi nella prima tornata delle primarie. Queste regole verranno messe ai voti, se l’assemblea raggiungerà il numero legale dei partecipanti (sulla carta conta su oltre mille membri).

Uno dei primi commenti è stato quello di Antonio Di Pietro: “Io non mi candido alle primarie del Pd, sono presidente dell’Idv, non sono primarie che mi appartengono sono curioso di vedere che farà l’amico Vendola”, ha detto il presidente dell’Italia dei Valori partecipando ad un forum organizzato dal quotidiano Pubblico. “Mi fa piacere se Vendola si candida per portare avanti un progetto che abbiamo condiviso anche a Vasto. La sua candidatura mi farà piacere”, ha aggiunto poi l’ex pm.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Donna muore al Pronto soccorso: negativo il test del coronavirus

  • Virus, paziente in valutazione al Perrino. Treno bloccato a Lecce

  • Virus, declassato caso sospetto, ma resta l'isolamento. Un altro oggi

  • Detenuto ai domiciliari ingerisce acido: morto dopo dieci giorni di agonia

  • Lite con l'inquilino: proprietario fa un buco, entra e mura la porta

  • Brindisi: al Perrino impiantato nuovo neurostimolatore in paziente affetto da Parkinson

Torna su
BrindisiReport è in caricamento