Asl, screening per la prevenzione dei tumori: spediti 124mila inviti

Sono gratuiti e sono rivolti a chi ha età compresa tra 50 e 69 anni per tre controlli oncologici: mammella, cervice uterina e colon retto

BRINDISI – La Asl di Brindisi punta sulla prevenzione e invita, con spedizione postale, a fare screening oncologici per mammella, cervice uterina e colon retto: l’appello ai controlli gratuiti è rivolto a uomini e donne di età compresa fra 50 e 69 anni, residenti a Brindisi e nei comuni della provincia.

Gli inviti

Complessivamente, gli inviti che dovranno essere spediti sono 124mila, stando alle previsioni dei funzionari del servizio Igiene e Sanità pubblica della Asl per un anno, a partire dal primo ottobre scorso. L’azienda sanitaria, in tal modo, intende dare attivazione al programma di screening dei carcinomi, in linea con le recenti disposizioni della Regione Puglia.

Per i controlli al seno, le lettere da recapitare sono 28.500. I solleciti, già spediti, sono 11.400. I controlli già svolti sono 19.300. Per lo screening della cervice uterina, gli inviti sono 41.500, mentre i solleciti sono 25mila e i controlli esitati sono 21.500. Per il colon retto, infine, sono da spedire 54mila inviti, 27mila solleciti mentre risultano esitati 32.400 screening.  

Le spedizioni

La spedizione direttamente al domicilio dei brindisini è stata affidata di recente al gruppo Poste italiane, come da accordo quadro con il Ministero della Salute. La spesa presunta ammonta a 230.338 euro, Iva inclusa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Blitz dei carabinieri contro la Scu: 37 arresti per droga, armi ed estorsioni

  • Incidente nella notte, quattro giovani feriti. "Ringrazio i medici"

  • Cellino, nuovo boato nella notte: bomba carta fatta esplodere per strada

  • Operazione Synedrium: i pizzini, le armi e il ruolo delle donne

  • Brindisi: tentatato suicidio in carcere. Detenuto salvato da un agente

  • Furto di trattore si conclude con inseguimento, incidente e arresto

Torna su
BrindisiReport è in caricamento