Ex Di Summa, laboratorio analisi: consiglieri compatti contro la chiusura

Il consiglio comunale approva un ordine del giorno che impegna il sindaco di Brindisi ad intervenire presso l'Asl

BRINDISI - Nella giornata di ieri, 27 febbraio, nel corso della seduta del consiglio comunale, l’assise ha approvato all’unanimità l’ordine del giorno presentato dall’ufficio di presidenza, composto dal presidente Giuseppe Cellie e dal vice presidente Massimiliano Oggiano che lo ha presentato in aula, sulla disattivazione del laboratorio di Patologia clinica distrettuale e tossicologica dell’ex Di Summa e del laboratorio Urgenza-Emergenza dell’ospedale Perrino di Brindisi.

Da dicembre 2018, infatti, sono stati disattivati i suddetti laboratori provocando un grave danno l’utenza che poteva effettuare importanti test, analisi e screening diagnostici. A testimonianza della loro utilità ci sono i circa 400mila esami annui effettuati, corrispondenti a circa 3 milioni di euro di fatturato annuo, parte dei quali anche con consegna a domicilio dei referti. 

E’ utile ricordare che, come dispone l’Oms, bisogna impedire o limitare al massimo l’accesso in ospedale di pazienti ambulatoriali al fine di diminuire le ulteriori infezioni.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per tutte queste ragioni il consiglio comunale ha impegnato il sindaco Riccardo Rossi, anche in qualità di presidente della Conferenza dei sindaci dell’Asl Brindisi, e l’intera giunta comunale ad “intervenire senza indugio presso la Regione Puglia per chiedere la revoca della decisione di disattivare il laboratorio territoriale Di Summa e il laboratorio Urgenza-Emergenza Perrino e, di contro, attivare seriamente un progetto organico per la ristrutturazione della rete dei laboratori analisi già fatta in altre regioni d’Italia privilegiando invece il territorio e l’emergenza-urgenza”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Traffico internazionale di sostanze stupefacenti: nove arresti

  • Agguato al rione Sant'Elia: giovane automobilista ferito alla gamba

  • Covid-19, anche un ricercatore di Francavilla a caccia della cura

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

  • Movida blindata a Brindisi: le forze dell'ordine sciolgono gli assembramenti

  • Assembramenti e spiagge libere: come si stanno organizzando i Comuni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento