Servizio di refezione scolastica: il ruolo dell'Asl Brindisi

La Giunta Regionale, con provvedimento del mese di agosto 2018, ha aggiornato le Linee di indirizzo regionali per la ristorazione scolastica

Riceviamo e pubblichiamo una nota in cui l’Asl Brindisi fornisce chiarimenti su procedure e competenze dell’azienda sanitaria, nell’ambito del servizio di refezione scolastica.

Di recente la Giunta Regionale, con provvedimento del mese di agosto 2018, ha aggiornato le Linee di indirizzo regionali per la ristorazione scolastica introducendo alcune novità nelle procedure, con particolare riferimento alla Validazione dei menù scolastici. La Asl Br ha inviato informativa in merito, il 31 agosto scorso, ai Sindaci dei Comuni della provincia, ai Responsabili del settore Pubblica Istruzione della Provincia di Brindisi e ai Dirigenti Scolastici.

La procedura prevede, per l’anno scolastico 2018/2019, che le Amministrazioni Comunali e i responsabili delle scuole paritarie e private di ogni ordine e grado, debbano sottoporre il piano nutrizionale da adottare alla preventiva valutazione da parte del Servizio di Igiene della Nutrizione afferente al Dipartimento di Prevenzione della Asl Br. La valutazione preventiva, operata sulla base delle linee guida regionali, costituisce premessa indispensabile per l’adozione ed applicazione del piano stesso.

Il menù deve essere redatto da professionista competente (dietista, medico nutrizionista/pediatra, dottore in Scienza dell’Alimentazione e Nutrizione Umana) e accompagnato da relazione tecnica in cui sono indicate le fasce di età a cui si riferisce il piano alimentare e le quote energetiche considerate, il modello alimentare di riferimento, la frequenza di consumo settimanale degli alimenti ed ogni altra utile informazione per l’ottenimento di un servizio di qualità. La valutazione preventiva da parte del Servizio di Igiene e Nutrizione deve essere richiesta al momento della prima adozione, in tutti i casi variazione significativa del menù, e almeno ogni quattro anni. Una volta valutato il piano nutrizionale, il Servizio di Igiene e Nutrizione trasmette al richiedente (Comuni o gestori privati) il documento con vidimazione.

In alternativa alla suddetta procedura (elaborazione del menù a cura di Comuni o gestori privati) è possibile richiedere direttamente alla Asl Br la completa elaborazione di un piano nutrizionale. In merito, è doveroso informare che quest’anno tutti i Comuni della provincia hanno delegato alla Asl Brindisi l’elaborazione di un piano nutrizionale, non solo la valutazione e conseguente validazione, con un carico di lavoro abnorme che ha richiesto tempi più lunghi del previsto, lavoro che comunque si è concluso nei giorni scorsi. Infatti, non risultano ad oggi pendenze con Istituti scolastici, né per i menù standard né per le diete speciali.

                               

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

Notizie di oggi

  • Cronaca

    “Ero io quello armato nella gioielleria: pistola vera, ho esploso due colpi in alto”

  • Cronaca

    Comune di Brindisi, nomina dirigente senza selezione: processo per Consales e Carluccio

  • Cronaca

    “Non volevo ucciderlo: gli ho sparato dopo una lite per una ragazza”

  • Incidenti stradali

    Scontro fra tre auto sulla provinciale: quattro persone in ospedale

I più letti della settimana

  • Rapina con spari nella gioielleria del centro commerciale. Presi i banditi

  • Assalto nella gioielleria Stroili: ecco chi sono gli arrestati

  • Scontro frontale sulla circonvallazione di Mesagne: un morto

  • Colpi di pistola in Largo Concordia: un ferito tra i giovani del sabato notte

  • Settimana corta alla scuola media: "Docenti ignorati". E' scontro

  • Auto si schianta contro palo e travolge veicoli in sosta: grave un giovane

Torna su
BrindisiReport è in caricamento