Riccardo Rossi è il nuovo sindaco di Brindisi: vince col 56 per cento

Il candidato della sinistra ha già ricevuto le congratulazioni dell'avversario di centrodestra, l'avvocato Roberto Cavalera

BRINDISI – Con il 56,61 per cento e 16.658 voti Riccardo Rossi, ingegnere dell'Enea, alla testa di una coalizione composta da Brindisi Bene Comune, Liberi e Uguali, Pd e Ora Tocca a Noi, è il nuovo sindaco di Brindisi. Ha già ricevuto le congratulazioni dell'avversario, l'avvocato penalista Roberto Cavalera, che invece guidava una coalizione di centrodestra formata da Forza Italia, Udc, Pri, e alcune liste civiche ottenendo il 43,39 per cento e 12.770 voti. I sostenitori di Rossi stasera stanno cantando "Bella Ciao", e tira aria di forte cambiamento.

Nei gruppi consiliari dello schieramento vincente gli eletti che hanno già occupato i seggi nell'assemblea elettiva saranno quattro su 20, Rossi incluso, mentre in caso di vittoria dell'altro schieramento sarebbero tornati in consiglio personaggi che calcano le scene politiche brindisine da molti anni. Bisogna svolgere una attenta analisi non solo del voto, ma anche dell'astensionismo che si conferma il partito di maggioranza assoluta a Brindisi, per capire come e quanto abbiano influito le candidature, le liste, e quanto lo scetticismo oppure la scelta di non sostenere nè l'uno nell'altro dei candidati sindaco che si sono affrontati nelle ultime due settimane.

Riccardo Rossi con i suoi sostenitori sulla scalinata Virgilio 2-2

Il compito che Rossi avrà di fronte è duro. Intanto la situazione finanziaria del Comune: bisogna verificare sino a che punto sia giunto il risanamento dei conti da parte della gestione commissariale, lo stato effettivo delle società partecipate, intensificare la partecipazione ai progetti europei ed Interreg, aprire un confronto serrato con la Regione, l'Autorità di sistema portuale e Aeroporti di Puglia sulla logistica dei trasporti e sulle Zes, affrontare il futuro prossimo venturo del polo energetico con il suo carico di incognite, riaprire il capitolo del Piano urbanistico generale, ricostruire il rapporto tra l'amministrazione comunale e le categorie produttive e professionali, occuparsi della povertà e del lavoro, della salute e dell'ambiente.

11-6

Un messaggio allo sconfitto e al vincitore è arrivato dal deputato Mauro D'Attis di Forza Italia: "Nella occasione di questa lunga campagna elettorale ho conosciuto ancora meglio una persona straordinaria che si chiama Roberto Cavalera. A Roberto va la mia riconoscenza per la passione che ha dedicato in questa occasione e per lo spirito di attaccamento ai colori della propria città che ha dimostrato sul campo. Un pensiero lo rivolgo a tutte le donne e agli uomini che hanno sostenuto la coalizione di Roberto portandola a essere la prima nei risultati del primo turno. Faccio gli auguri al neo eletto sindaco Riccardo Rossi. Da parlamentare brindisino non potrò che fare l'interesse del mio territorio e della mia città insieme al suo nuovo sindaco e all’amministrazione comunale".

Riccardo Rossi eletto sindaco 2-2

Anche questo è un tema di riflessione e di verifica, perchè Rossi non è una persona chiusa al confronto, e certamente cercherà la collaborazione dei settori dell'opposizione sulle questioni su cui sarà necessario fare sistema. Non si può, infine, questa sera, non fare il bilancio del voto negli otto Comuni del Brindisino chiamati alle urne il 10 giugno: il centrodestra vince solo a San Pietro Vernotico e a Torre Santa Susanna, mentre sono le coalizioni civiche e quelle di centrosinistra a vincere nelle altre sei città incluso il capoluogo.

Il video della vittoria di Rossi

Già poco dopo la chiusura delle urne, su poco meno di 12mila schede scrutinate si delineava a Brindisi un  netto vantaggio del candidato della sinistra, l’ingegnere Riccardo Rossi, con una forbice che oscillava tra il 54 e il 57 per cento sull’avversario del coalizione di centrodestra guidata da Forza Italia, l’avvocato Roberto Cavalera, che invece viaggiava sul 42-46 per cento. A Brindisi affluenza alle urne di circa 20 punti più bassa del primo turno: il 10 giugno votò il 60,73 per cento degli elettori, oggi alla chiusura dei seggi aveva votato invece il 40,67 per cento.

Ad Oria nettamente in testa Maria Lucia Carone (nella foto sotto) che con il 57,38 per cento finale e 4.846 voti ha  sconfitto il candidato del centrodestra Pino Carbone, che si è fermato al 42,62 per cento e 3599 voti. Maria Lucia Carone ha già ringraziato gli elettori annunciando che si metterà subito al lavoro. A Oria alle 23 aveva votato il 65,62 per cento dell'elettorato, contro il 72,77 del primo turno.

maria lucia carone sindaco oria 2018-2

A Francavilla Fontana con il 52,15 per cento e 9.034 voti va in testa e ci rimane Antonello Denuzzo (foto sotto), l'outsider che alla guida di una coalizione civica cui hanno aderito anche pezzi della sinistra, ha battuto il sindaco uscente Maurizio Bruno  (indietro con il 47,85 e 8.288 voti) sfiduciato lo scorso anno dal consiglio comunale, ma ripresentato dal Pd. Centrodestra clamorosamente fuori dalla competizione elettorale di Francavilla Fontana. La percentuale dei votanti a Francavilla  si è fermata al 56,89 per cento, mentre il 10 giugno era stata del 71,95.

Denuzzo è riuscito ad interpretare la domanda di rinnovamento della società locale, che aveva bocciato l'establishment di Forza Italia e della destra al primo turno, ma che al secondo ha giudicato maggiormente innovatore ed affidabile il concorrente di Maurizio Bruno, capovolgendo l'esito delle urne del 10 giugno e facendo recuperare a colui che è diventato il nuovo sindaco un distacco di partenza che pareva incolmabile. E' ciò che è avvenuto, in fondo, anche a Brindisi.

antonello denuzzo sindaco francavilla-2

In entrambi i casi, a Brindisi e a Francavilla Fontana, con Rossi e Denuzzo si sono schierati i giovani impegnati sul fronte del lavoro, della scuola, della cultura, dei diritti. Anche questo è un segnale di inversione di tendenza. Ma guai a dimenticare che in questi anni gli spostamenti dell'elettorato sono diventati sempre più repentini e legati alle emergenze sociali: bisogna dimostrare di saper fare le cose, di saper risolvere i problemi, nella massima trasparenza, onestà ed efficienza. 

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • Da modesto politologo che mi definisco,e non mi piace apparire,ma essere,la mia analisi potra' sembrare strana ma inconfutabile. Auguri come da prassi al nuovo Sindaco Ing. Rossi,che nella sostanza lo e' diventato con il 56% del 35% degli elettori aventi diritto. Quindi da un 20/25 % dell'elettorato Brindisino,ovvero un Sindaco di minoranza,grazie a quel 65% di elettori che hanno disertato le urne.Ogni popolo merita il Governo che ha,bene,adesso lo vedremo all'opera per verificare se tra il dire e il fare sapra' colmare il mare dei problemi che attanaglia la nostra citta'.

Notizie di oggi

  • settimana

    Non c'è il traghetto per la Grecia: centinaia di passeggeri bloccati a Costa Morena

  • Cronaca

    "La nave non aveva i permessi, perdita di credibilità per il porto"

  • Cronaca

    Quattro assalti armati in quattro mesi: due giovani incastrati dalle telecamere

  • Cronaca

    “Quel poliziotto asservito al gruppo criminale: riceveva anche cocaina”

I più letti della settimana

  • Traffico di droga, arrestato poliziotto di Brindisi: “Mille euro al mese in cambio di soffiate”

  • Muore nell'indigenza, i vicini lanciano una colletta: "Diamole degna sepoltura"

  • Litoranea nord al buio, famiglia inseguita da uomini incappucciati

  • Si fanno dare un passaggio e gli rubano l'auto con il cane all'interno

  • Nuovo assalto a un ufficio postale: pistola alla tempia di una impiegata

  • “Multata dai vigili subito dopo essere stata tamponata”

Torna su
BrindisiReport è in caricamento