Truffa alla Asl, arrestato dipendente: "Falsificava ricevute dei tickets"

Ai domiciliari Giuseppe De Lorenzis,su ordinanza del gip: "Attestava il pagamento per prestazioni sanitarie e certificazioni medico-legali per patenti, appropriandosi di 22.467,20 euro". I carabinieri del Nas hanno accertato 860 visite

BRINDISI - In 860 casi, un dipendente della Asl di Brindisi avrebbe falsificato le ricevute relative al pagamento dei tickets per prestazioni legate al rilascio delle patenti , con conseguente truffa ai danni dell'Azienda sanitaria locale: Giuseppe De Lorenzis è stato arrestato, ai domiciliari, all'alba di oggi dai carabinieri del Nucleo antisofisticazioni di Taranto, in esecuzione dell'ordinanza di custodia cautelare firmata dal gip del Tribunale.

Le indagini e il sequestro

I militari del Nas hanno eseguito contestualmente un decreto di sequestro preventivo che ha permesso di bloccare, a carico dell'indagato, la somma di 22.476,20 euro, pari a quanto sarebbe stato indebitamente sotratto alla Asl, stando agli accertamenti svolti negli ultimi mesi, sotto la voce "Diploma Gubernationis" (dal latino, "patente di guida". Il dipendente, con funzioni amministrative, presso il dipartimento di prevenzione della Asl, è accusato di truffa aggravata e continuata con riferimento all'attività svolta per il rilascio delle patenti: "In qualità di incaricato di pubblico servizio, mediante artifizi e raggiri, falsificava le ricevute attestanti il pagamento dei tickets per prestazioni sanitarie e certificazioni medico-legali che consegnava agli ignari utenti, appropriandosi quindi delle relative somme sottraendole fraudolentemente alle casse della Asl", si legge nel provvedimento di custodia cautelare.

La truffa contestata

Gli accertamenti  hanno consentito di quantificare l’ammontare della truffa in oltre 22 mila euro, relativa all’erogazione di 860 visite e accertamenti ambulatoriali senza che la Pubblica Amministrazione ne ricevesse il corrispettivo economico. La condotta,  oltre a cagionare un  danno economico alla Asl, determinava  conseguenze negative per gli utenti ai quali veniva preclusa sia la possibilità di accedere all’eventuale rimborso ticket in caso di mancata fruizione della prestazione medica, sia quella della richiesta di rimborso Irpef nella dichiarazione dei redditi. 

L'arresto è stato disposto, così come chiesto dal pubblico ministero, di fronte a gravi indizi di colpevolezza e ad esigenze cautelari per impedire la reiterazione delle condotte contestate . L'indagato, ristretto nella sua abitazione, affronterà l'interrogatorio di garanzia davanti al gip nei prossimi giorni. Nel frattempo è stato sospeso in via cautelare.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Caro Alessandro, non sarebbe meglio che i pagamenti si facessero solo con carta di credito, bancomat o conto corrente alla Posta? Quando alla ASl, ed ad altri uffici pubblici, si accorgeranno che esistono , grazie al progresso, altri dispositivi più semplici ed economici ( non devi avere personale dietro lo sportello) allora queste cose non avverranno più. Evidentemente non si sono accorti che l'Impero di Bisanzio ed anche il Medio Evo sono passati da tempo.

  • Non so cosa l'abbia spinto a fare ciò, ma quel che è certo è che al termine del dibattimento processuale(perché l'Italia gli garantisce di potersi difendere) riconosciutegli le colpe questo signore non potrà che: 1. essere licenziato per GIUSTISSIMA causa, 2. risarcire il danno economico, 3. pagare per intero le spese processuali, 4. bandito a vita dalle pubbliche amministrazioni, 5. provare profonda vergogna a farsi vedere in giro. Ma tra un paio d'anni o più potremmo scoprire che: 1. a chiedergli scusa potremmo essere NOI, 2. a risarcirlo sempre NOI, a pagare tutte le spese sempre NOI

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Scarpe Adidas false, maxi sequestro nel porto di Brindisi

  • Cronaca

    Riqualificazione della pista di atletica leggera Montanile

  • Attualità

    Nozze civili anche in spiaggia e in hotel: il Comune dice di nuovo sì

  • Scuola

    Elementare Mantegna, bimbi al freddo: “Gasolio finito”

I più letti della settimana

  • Scontro fra un compattatore e due furgoncini: un morto sulla statale

  • Aveva 15 identità e un mandato di arresto europeo: trovato a Brindisi

  • Gis carabinieri e Finanza abbordano un cargo sospetto al largo di Brindisi 

  • Auto si ribalta sulla strada provinciale: spavento per una ragazza

  • Automobilista rapinato in città: forse esploso un colpo di pistola

  • "Se mia madre è ancora tra noi è grazie all'equipe che l'ha operata"

Torna su
BrindisiReport è in caricamento