Dopo la tripletta, la festa nel ristorante gestito da un fasanese

Cristiano Ronaldo festeggia la grande vittoria contro l'Atletico Madrid con una cena da Catullo. Insieme a lui anche la famiglia, il procuratore Jorge Mendes e il direttore sportivo Fabio Paratici

FASANO – Dopo la grande rimonta contro l’Atletico Madrid, tutti a festeggiare nel ristorante gestito dal fasanese Piero Ancona. Cristiano Ronaldo, grande protagonista della serata magica vissuta ieri dalla Juventus, ha portato a cena la famiglia, il potentissimo procuratore Jorge Mendes e il direttore sportivo Fabio Paratici da Catullo, noto ristorante di Torino, frequentato da giocatori e dirigenti della Vecchia signora.

Al settimo cielo per la tripletta con cui ha liquidato i colchoneros, trascinando i bianconeri ai quarti di finale della Champions League, il fuoriclasse portoghese, accompagnato dalla compagna Georgina, si è messo in posa con Piero Ancona, che ha immortalato la serata con altri scatti che lo ritraggono insieme a Mendes e Paratici.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ancona, nato 40 anni fa a Fasano, vive a Torino da circa 20 anni. La sua esperienza nel settore della ristorazione sta andando a gonfie vele. Il suo Catullo è infatti uno dei ristoranti più apprezzati del capoluogo sabaudo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Aveva smarrito la bici e scritto un biglietto per ritrovarla: la polizia gliene regala una nuova

  • La spiaggia libera? E' mia, e me la gestisco io

  • Blitz alla 167: due arresti, sequestro di droga, armi e munizioni

  • Dal cantiere alle campagne: arrestati i vertici dell'Anonima rifiuti

  • Spaventoso incidente sulla strada provinciale: due persone ferite

  • Litoranea, scatta sosta selvaggia: parcheggi comunali ignorati

Torna su
BrindisiReport è in caricamento