Dopo la tripletta, la festa nel ristorante gestito da un fasanese

Cristiano Ronaldo festeggia la grande vittoria contro l'Atletico Madrid con una cena da Catullo. Insieme a lui anche la famiglia, il procuratore Jorge Mendes e il direttore sportivo Fabio Paratici

FASANO – Dopo la grande rimonta contro l’Atletico Madrid, tutti a festeggiare nel ristorante gestito dal fasanese Piero Ancona. Cristiano Ronaldo, grande protagonista della serata magica vissuta ieri dalla Juventus, ha portato a cena la famiglia, il potentissimo procuratore Jorge Mendes e il direttore sportivo Fabio Paratici da Catullo, noto ristorante di Torino, frequentato da giocatori e dirigenti della Vecchia signora.

Al settimo cielo per la tripletta con cui ha liquidato i colchoneros, trascinando i bianconeri ai quarti di finale della Champions League, il fuoriclasse portoghese, accompagnato dalla compagna Georgina, si è messo in posa con Piero Ancona, che ha immortalato la serata con altri scatti che lo ritraggono insieme a Mendes e Paratici.

Ancona, nato 40 anni fa a Fasano, vive a Torino da circa 20 anni. La sua esperienza nel settore della ristorazione sta andando a gonfie vele. Il suo Catullo è infatti uno dei ristoranti più apprezzati del capoluogo sabaudo. 

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (1)

  • e che personaggio...vabbò

Notizie di oggi

  • Incidenti stradali

    Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Sport

    Banks torna in tempo per il difficile spareggio con Varese

  • Sport

    Scontri dopo Fasano-Altamura: per undici ultras Daspo e denuncia

  • Politica

    Forza Italia: "No all'autonomia differenziata delle regioni del Nord"

I più letti della settimana

  • Strage nella notte, tre giovani morti in un incidente stradale

  • Tragedia sulla strada Ostuni-Montalbano: morti due ragazzi

  • Rapinatori nell'ufficio postale del Casale: "Tranquilli, vi vogliamo bene ragazzi"

  • Attaccati e feriti da pitbull, cavalla sbalza il padrone e fugge in paese

  • Trasportavano parti auto rubata: inseguiti e presi dalla Polstrada

  • Giovane disoccupata voleva lanciarsi nel vuoto, bloccata da passante

Torna su
BrindisiReport è in caricamento