Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Case popolari tappezzate di murales: "Progetto unico in Europa al Paradiso"

 

Murales al posto delle anonime facciate tipiche dell’edilizia popolare. E’ un progetto “unico in Europa” quello che sfocerà nella realizzazione di un grande parco urbano di street park in una delle zone più degradate del rione Paradiso (via Renato Serra, fra via Egnazia e via della Torretta) dove decenni fa fu realizzata una schiera di palazzoni per accogliere le famiglie meno abbienti.

Riccardo Rossi e l'assessore Pisicchio-2

Stamani (29 giugno), presso la sala conferenze del museo archeologico provinciale Ribezzo di Brindisi, è stato sottoscritto il protocollo di intesa fra tutti gli enti coinvolti nell'iniziativa: lo stesso Museo (rappresentato dalla direttrice Emilia Mannozzi), l’Arca Nord Salento (rappresentata dall’amministratore unico, Cosimo Casilli), il Comune di Brindisi (rappresentato da Riccardo Rossi, alla sua prima uscita da sindaco del capoluogo), la Regione Puglia (rappresentata dagli assessori alle Politiche abitative, Alfonsino Pisicchio, e alla Cultura, Loredana Capone) e il teatro Pubblico pugliese, diretto da Carmelo Grassi.

dfc518a0-1b22-4173-98de-6311005a89ea-2

Come spiegato dall’amministratore dell’Arca Nord Salento, Cosimo Casilli, nell’intervista a corredo dell’articolo, sono stati stanziati 13 milioni per la messa in sicurezza degli edifici e la realizzazione del progetto di street art, ai quali vanno aggiunti i cinque milioni di euro già elargiti al Comune di Brindisi per il progetto di rigenerazione urbana del quartiere. In tutto, quindi, 18 milioni di euro per dare un nuovo volto al Paradiso. 

Firma protocollo parco urbano street art-2

Da quanto riferito dallo stesso Casilli, il parco urbano di street art vedrà la luce entro un paio di anni. Fra il 19 e il 20 luglio, una volta espletate le pratiche burocratiche, inizieranno i lavori di messa in sicurezza delle palazzine. Dopo di che entrerà in azione un gruppo di writers selezionati dalla Biennale dei giovani artisti d’Europa e del Mediterraneo individuerà. A colpi di bombolette spray (nelle mani di artisti riconosciuti a livello internazionale), verranno eliminati pezzi di degrado dalla periferia brindisina, per il riscatto sociale di un quartiere che spesso  si è sentito abbandonato dalle istituzioni. 

Oltre all'amministratore Casilli, nel videoservizio sono state raccolte, nell'ordine, le dichiarazioni della direttrice Mannozzi, degli assessori Capone e Pisicchio e del sindaco Riccardo Rossi. 

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento