"Molliamo tutto e andiamo ai Caraibi": due sorelle inseguono il loro sogno

Attendere un istante: stiamo caricando il video...
Attendere un istante: stiamo caricando il video...
 

Quante volte avete pensato di mollare tutto e fuggire su un isola tropicale? Quante volte mentre guardavate la tv avete visto immagini di spiagge caraibiche mozzafiato e avete sognato di esseri li? Quante volte avete letto annunci di lavoro in posti da sogno e magari avete pensato alla solita truffa?

Alessia Maggio, una ragazza brindisina di 21 anni, ha mollato tutto. Dopo aver risposto ad un annuncio di lavoro è partita per Antigua, dove ha svolto uno stage formativo ed è stata inserita come guida turistica.  La temeraria brindisina oggi ha 22 anni è tornata a Brindisi per poi ripartire per Antigua con sua sorella Elisa, con la quale ha sempre condiviso il sogno che a breve vivranno.

Alessia ha studiato come guida turistica, ha fatto lavori umili e aveva già provato a vivere all’estero, ma quando ha letto l’annuncio divulgato da “Antigua chiama Italia”, una società gestita da 3 ragazzi italiani, non ha resistito e ha risposto. L’annuncio richiedeva una video presentazione e con tutto il suo entusiasmo e la sua energia Alessia ha invito la sua clip ed è stata scelta per uno stage che si è poi trasformato in un lavoro ben retribuito.

 La giovane brindisina ha conquistato la fiducia dei sui datori di lavoro e ha coinvolto anche la sorella Elisa, con cui partirà il 28 novembre 2018 per la loro ambitissima meta, Antigua. Le due sorelle hanno dimostrato che se desidera davvero qualcosa, bisogna provare in tutti i modi ad ottenerla e attraverso le telecamere di Brindisireport lanciano un messaggio per tutti quelli che vorrebbero mollare tutto.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (5)

  • Ancora con questa notizia?????

  • Siete sicuri ragazzi che la via giusta sia quella di fuggire ? Andar via per realizzare i propri sogni, va bene , ma " fuggire " non è un motivo valido . Fuggire è un verbo che di per se è negativo! E anche quando è vissuto in senso positivo, è inteso come " liberarsi " da una situazione che incatena , che è brutta. Non bisogna " fuggire" dal luogo in cui si nasce , ma apprezzarlo e " combattere " , da valorosi, perché diventi migliore! Se tutti fuggissero dalla propria città , perché ritenuta non- degna di essere "vissuta", chi la risolleverà ? Se le intelligenze più belle, i doni più belli, le capacità migliori vanno via , chi resta : lo "scarto" ? No ragazzi, se si parte per realizzare i propri sogni è un conto e va bene . Ma chi parte solo per "fuggire" , è davvero una offesa alla città e soprattutto a chi resta .I giovani sono il futuro di una società sana , allora , da coraggiosi e temerari , impegnatevi con gioia e fiducia , a realizzare qualcosa di grande e buono anche , qui nella nostra amata città. Siete grandi , ce la farete . . . ce la faremo.

  • Scappate ragazze, questa citta non vi merita più. Cercate la civiltà in tutti i sensi, qui ahimè si è ormai persa da tempo!

  • giusto, questa città non merita più niente e spero che andiamo via tutti i giovani perché non ce lavoro meglio lavorare di fuori ormai è resterà sempre cosi povera. Non ci sono Turismo Creatività Lavoro produzione negozi quasi chiusi e non aggiungo più nulla e una devastazione

  • Hanno fatto benissimo. Alla via così. Ragazze di coraggio e carattere. Questa città non vi merita. E spero che così facciano anche tanti altri giovani, perché cosa stanno a fare qui? Gettati sotto un bar? Attaccati ad una slot? In attesa dei politicanti e di vanagloriosi ed incapaci amministratori? Chi ha modo scappi, non aspetti tempo.

Potrebbe Interessarti

  • video

    Incidente mortale alle porte di Brindisi, vittima una donna

  • video

    Auto contro moto sulla litoranea di Brindisi: un ferito

  • Cronaca

    Cane rinchiuso in un sacco lanciato da auto in corsa: salvato, ora cerca casa

  • video

    Incendio in una delle torri del nastro trasportatore del carbone

Torna su
BrindisiReport è in caricamento