Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Don Ciotti: "Legalità vuol dire giustizia sociale: per i giovani, i poveri, i migranti"

 

OSTUNI- Un fiume di oltre mille ragazzi ha attraversato questa mattina le vie del centro della Città Bianca tra rulli di tamburi e il grido “Senza memoria non c’è futuro”: si sono ritrovati di primo mattino nell’area mercatale per aprire la giornata “Il bisogno e la giustizia - Sventurata la terra che ha bisogno di eroi” organizzata dal presidio cittadino dell’associazione contro le mafie, Libera. La referente di Ostuni, Isa Zizza, con il patrocinio del Comune, ha invitato i cittadini a un momento di sensibilizzazione sul tema della legalità e dell’immigrazione, sviluppati da sempre dagli studenti nelle scuole, un dovere civico che gli attivisti di Libera svolgono quotidianamente. Il momento conclusivo della manifestazione si è svolto nel pomeriggio, quando un colmo  Palagentile ha accolto con entusiasmo ed emozione il sacerdote fondatore di Libera e del Gruppo Abele, don Luigi Ciotti che, in mattinata aveva fatto visita nella città di Mesagne, di recente richiamata dalle cronache per le minacce di morte e intimidazioni ricevute dai soci e lavoratori della Cooperativa Terre di Puglia che gestisce i terreni confiscati alla mafia dal 2008. Un messaggio, quello di don Ciotti, di speranza per le nuove generazioni.

Potrebbe Interessarti

Torna su
BrindisiReport è in caricamento