Palazzo Nervegna: chiodi sulla facciata, lo sdegno di un cittadino

Praticati due fori sul prospetto dell'edificio storico per esporre lo stendardo che pubblicizza la proroga di Arte Liberata fino allo scorso 29 marzo

BRINDISI – Due fori sul prospetto di palazzo Nervegna, per esporre lo stendardo che pubblicizza la proroga fino allo scorso 29 marzo della mostra di arte liberata. Certo, già forse ci sarebbe da ridire sul fatto che gli stendardi campeggino ancora sulla facciata, nonostante il 29 marzo sia ormai trascorso da 8 giorni. Ma a indignare Claudio Fornaro, un cittadino dall’occhio acuto, è stato proprio il dettaglio dei due buchi praticati sui mattoni di un edificio storico, tramite due viti a pressioni (fischer), con ogni probabilità con l’ausilio di un trapano.

Palazzo Nervegna 3-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“Questo – afferma Fornaro – è assolutamente vietato. E’ addirittura impensabile fare una cosa del genere”. Realizzato nel suo nucleo originale nella seconda metà del ‘1500, palazzo Nervegna è un esempio di architettura tardo rinascimentale con elementi barocchi. Lì, insomma, delle viti non ci dovrebbero proprio essere. Eppure si è fatto ricorso a questo sistema, per esporre il manifesto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuova vita per le auto rubate: arrestate dodici persone

  • Hai un geco in casa e vuoi liberartene? Ecco le soluzioni

  • Sversavano tonnellate di veleni: Brindisi come la "Terra dei Fuochi"

  • Altri sette casi positivi nel Brindisino sui 10 registrati in Puglia

  • Altri sei contagi e due morti nel Brindisino. Dati in calo nel resto della Puglia

  • Su 9 nuovi casi in Puglia, sette sono della provincia di Brindisi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento