Serie tv con Nino Frassica: ciak fra Costa Merlata e Gorgognolo

Villa Incalzi ha ospitato il set della fiction "I fratelli Caputo", produzione delle reti Mediaset girata nel Salento

OSTUNI – Villa Incalzi si trasforma in un set. Fra Gorgognolo e Costa Merlata, sul litorale di Ostuni, è arrivata stamattina (venerdì 29 marzo) la troupe di una nuova serie televisiva delle reti Mediaset, “I Fratelli Caputo”, diretta da Alessio Inturri e prodotta da Claudia Mori. 

L’attore protagonista, Nino Frassica, era presente sul set. Fanno parte del cast anche Cesare Bocci, reso celebre dal ruolo del commissario Mimì Augello nella fiction "Il Commissario Montalbano", e Red Canzian (ex Pooh), che dovrebbe recitare il ruolo di se stesso. 

In una zona situata alle spalle di villa Incalzi, splendida costruzione realizzata a ridosso della scogliera, circondata da macchia mediterranea, si scorgono un paio di Tir e altri mezzi utilizzati per trasportare le attrezzature. 

La serie tv verrà girata quasi esclusivamente nel Salento. Le riprese sono infatti iniziate lo scorzo 4 marzo a Nardò, tra piazza Salandra e il castello Acquaviva d'Aragona, e nelle marine di Santa Maria al Bagno, Santa Caterina e Sant’Isidoro. L’Apulia Film Commission ha fornito supporto logistico alla produzione. Sedici unità pugliesi sono impiegate sul set. 

Potrebbe interessarti

  • Blatte e scarafaggi, come allontanarli

  • Anguria, antiossidante: proprietà, benefici e controindicazioni

  • Stp: rinnovate tutte le corse per le marine della provincia

  • Cicloturismo a Brindisi e provincia: le associazioni crescono

I più letti della settimana

  • Tragedia in campagna: donna rimane incastrata in una vecchia fornace, muore in ambulanza

  • Incidente mortale sul cavalcavia: condannato per omicidio stradale

  • Furgone imbottito di marijuana: 218 chili, un arresto

  • Bottiglie d'acqua minerale esposte al sole: sequestro in un supermercato

  • Inseguiti e arrestati subito dopo il furto di uno scooter

  • Brucia l'auto di un avvocato: secondo episodio in pochi mesi

Torna su
BrindisiReport è in caricamento