A Torre Pozzelle le riprese del "Pinocchio" di Matteo Garrone

La prima giornata di riprese era fissata per venerdì 20 aprile, la prossima il 6 maggio. Tratto di mare interdetto

OSTUNI – La prima giornata di riprese era fissata per ieri sabato 20 aprile, la seconda è stabilita per il 6 maggio. E anche quel giorno, sino a 200 metri largo dalla scogliera, il tratto di mare antistante Torre Pozzelle sarà interdetto alla navigazione per consentire di girare alcune scene del film “Pinocchio” del regista Matteo Garrone.

L’autorizzazione è stata chiesta alla capitaneria di Porto di Brindisi dalla società Archimede Srl di Roma, che potrà usufruire del vasto specchio acqueo dalle 8 del mattino alle 16, meteo permettendo. Si presume che sarà il mare di Ostuni, dunque, a fare da scenario alla parte della celeberrima opera di Collodi in cui la balena ingoia Pinocchio.

Il regista Matteo Garrone con Roberto Benigni-2

Chissà come ricostruirà questa scena Matteo Garrone. Il cast del film della casa di produzione Archimede, con Rai Cinema e la francese La Pacte, e co-finanziato dall’Apulia Film Commissione Fund con 267mila euro, è d’eccezione: i protagonisti sono infatti il premio Oscar Roberto Benigni (Geppetto), Gigi Proietti (Mangiafuoco), Rocco Papaleo e Massimo Ceccherini (il Gatto e la Volpe) e Matilde De Angelis (la Fata dai capelli turchini).

A Sinalunga in Toscana la prima ripresa del film del regista del recente e premiatissimo “Dogman”, mentre gli altri set sono nel Lazio e in Puglia, e proprio tra Polignano a Mare, Ostuni ed altre località meno note Garrone e la sua troupe lavoreranno per sei settimane.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Brindisi-Taranto: attivato controllo giornaliero con Autovelox

  • Doppio inseguimento e lancio di chiodi dopo assalto a bancomat

  • Muore schiacciato da un trattore: tragedia nelle campagne

  • Quanto costa una casa a Brindisi quartiere per quartiere

  • Operaio investito: un collega insegue auto pirata e la blocca

  • Bollo auto e Documento unico di circolazione, le novità 2020

Torna su
BrindisiReport è in caricamento