Mamma artista dona nuova vita ai vecchi libri: piegando i fogli li trasforma in sculture

Il libro abbandonato si trasforma in un portafoto dove l’immagine raffigurata è formata dai fogli ripiegati singolarmente

SAN PIETRO VERNOTICO – C’è chi i libri li legge e li custodisce gelosamente nelle librerie, chi se ne disfa e li dona ai mercatini, c’è chi li rivende sulle bancarelle e chi, invece, li butta nella spazzatura o li abbandona in qualche soffitta destinandoli a marcire in qualche scatolone.

Ma c’è anche chi li “salva” trasformandoli in vere e proprie opere d’arte da esporre su mensole, mobili, scaffali, vetrine e arredare casa. Mary Conte, una mamma a tempo pieno di 39 anni, fa proprio questo: dona una seconda vita ai libri inutilizzati. Con la tecnica del book folding, “l’arte di piegare le pagine”, realizza incantevoli e originali sculture tridimensionali. Il libro abbandonato si trasforma in un portafoto dove l’immagine raffigurata è formata dai fogli ripiegati singolarmente. Oppure diventa un oggetto: una mongolfiera, un pupazzo di neve, una candela, una torta a più piani, un fiore, un animaletto o una “targa” che riporta frasi di augurio o d’amore. O semplicemente nomi.

Mary Conte, libri1-2

Il famoso libro abbandonato, quindi, diventa un’idea regalo, una bomboniera, un segnaposto, un fiocco nascita, un addobbo per l’albero di Natale, un souvenir. Ha iniziato quasi per gioco un anno e mezzo fa e adesso questo hobby, condito da passione, talento e impegno, è diventato anche un piccolo lavoro, utile per arrotondare e contribuire all’economia famigliare, che non fa mai male.

Un’idea che alla mamma artista ha portato un successo inaspettato. Specie perché oggi l’arte di riciclare sta diventando per molti uno stile di vita. E quando a essere riciclati sono i libri, patrimonio dal valore inestimabile, l’dea diventa vincente.

Mary Conte, libri-3

“Ho iniziato per caso quando le maestre coinvolsero noi mamme in alcuni lavoretti con la carta, per creare addobbi natalizi. Non conoscevo l’esistenza di quest’arte e quando ho scoperto quante cose si possono fare piegando le pagine dei libri non mi sono più fermata. Ovviamente producevo per me, io stessa ne ho approfittato per fare regali a parenti e amici ma il riscontro positivo ottenuto e l’idea di dare una seconda vita ai libri abbandonati, mi ha convinta a non mollare e a specializzarmi sempre più”. Così Mary, mamma di due bambini, è diventata anche un riferimento a cui consegnare volumi che non si vuole più tenere in casa e quest’arte, nata dal nulla, potrebbe anche diventare una vera e propria attività lavorativa.

Un esempio, questa esperienza, di come a volte basta poco per inventarsi o reinventarsi un lavoro e sopravvivere in una società dove trovare un’occupazione diventa sempre più difficile.

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti (2)

  • Avatar anonimo di Turiddu
    Turiddu

    concordo ma forse la signora non vuol renderlo pubblico non lo metti in conto caro Lucio ? complimenti iniziativa davvero bella e rara .

  • Visto e considerato che ogni tanto si scoprono persone brave ed in gamba come questa signora, che ne direste di mettere indirizzo, telefono e e-mail della stessa? O si viola qualche legge o leggina idiota della repubblica delle banane?  

Notizie di oggi

  • Cronaca

    Due spaccate in 48 ore: tabaccheria e sala giochi

  • Cronaca

    Ospedale Perrino, donati gli organi di una donna morta a 62 anni

  • Cronaca

    “Droga, quel sequestro mi uccide. Summit per fornitura dall’Olanda”

  • Green

    Francavilla Fontana: bando per tre aree da adibire a dog park

I più letti della settimana

  • Come difendersi dai pesciolini d'argento (e cosa sono)

  • Incidente stradale nella notte: automobilista trovato morto all'alba

  • Traffico di cocaina, 18 arresti: forniture organizzate a Brindisi

  • Da 20 anni al carcere duro, prossimo alla laurea in Giurisprudenza

  • Controlli dei carabinieri: due arresti. Rinvenute anche due auto

  • Crollo solaio in una scuola: dimesso l'operaio, cantiere sotto sequestro

Torna su
BrindisiReport è in caricamento