Sequestri della Guardia Costiera

BRINDISI – Uno scivolo abusivo tra case abusive, uno dei tanti tra tante. Così è ridotta da anni la costa poco a nord della città di Brindisi. La Guardia Costiera ne ha sequestrato un “esemplare” di ben 500 metri quadrati ad Apani, tra accesso dalla strada al mare, molo, scogli cementificati e attrezzature di alaggio. La denuncia alla procura della Repubblica è contro ignoti, l’area abusivamente occupata e manomessa è demaniale, ovviamente. Attorno, case costruite sulla falesia in erosione, e ormai in procinto di franare in mare. Questione di pochi anni, o meno. Un problema che il Comune di Brindisi dovrà affrontare.

Lo scivolo sequestrato ad Apani

BRINDISI – Uno scivolo abusivo tra case abusive, uno dei tanti tra tante. Così è ridotta da anni la costa poco a nord della città di Brindisi. La Guardia Costiera ne ha sequestrato un “esemplare” di ben 500 metri quadrati ad Apani, tra accesso dalla strada al mare, molo, scogli cementificati e attrezzature di alaggio. La denuncia alla procura della Repubblica è contro ignoti, l’area abusivamente occupata e manomessa è demaniale, ovviamente. Attorno, case costruite sulla falesia in erosione, e ormai in procinto di franare in mare. Questione di pochi anni, o meno. Un problema che il Comune di Brindisi dovrà affrontare.

La Guardia Costiera, dunque, è passata ai sequestri. Nel caso in questione, sono stati posti sotto sequestro tre argani meccanici, una piattaforma di cemento realizzata sulla spiaggia e un molo, tutto destinato a varare e a tirare in secco (grazie anche ad un tratto munito di binari, oltre di argani), piccole imbarcazioni probabilmente per la pesca sportiva, o professionale abusiva.

Adesso, trattandosi di ignoti, resta da capire chi dovrà ripristinare i luoghi. Dovrebbe toccare al Comune, visto che gli sono affidate le coste di competenza. Ma dove reperire l’enorme cifra per bonificare dai manufatti abusivi chilometri di litorale brindisino? La Guardia Costiera annuncia che proseguirà con i sequestri, e a dimostrazione di ciò comunica anche di aver denunciato una persona a Lendinuso per aver apportato modifiche ad una abitazione senza le necessarie autorizzazioni.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Settimana europea per la mobilità sostenibile: aderiscono Mesagne e Francavilla

  • Sciopero mondiale per il Clima, incontro pubblico con le associazioni

Torna su
BrindisiReport è in caricamento