giovedì, 24 aprile 16℃

Depuratore vista mare: "Mille No"

OSTUNI - Dalla conferenza di Servizi tenutasi a Bari nei giorni scorsi è emersa una sostanziale bocciatura rispetto a proposte di localizzazione alternative. Ma il fronte del No al depuratore con vista sul mare non molla. E a partire dalla mattinata di oggi ha promosso, presso un gazebo allestito a ridosso della spiaggia del Pilone, una raccolta di firme, per ribadire la contrarietà al progetto: "Raggiunto alle ore 19 il traguardo delle 1000 firme", annuncia Giancarlo Scalone (segretario cittadino della Federazione della Sinistra), tra i promotori della petizione popolare, battezzata Ultima spiaggia.

N. Q.23 giugno 2012

OSTUNI - Dalla conferenza di Servizi tenutasi a Bari nei giorni scorsi è emersa una sostanziale bocciatura rispetto a proposte di localizzazione alternative. Ma il fronte del No al depuratore con vista sul mare non molla. E a partire dalla mattinata di oggi ha promosso, presso un gazebo allestito a ridosso della spiaggia del Pilone, una raccolta di firme, per ribadire la contrarietà al progetto: "Raggiunto alle ore 19 il traguardo delle 1000 firme", annuncia Giancarlo Scalone (segretario cittadino della Federazione della Sinistra), tra i promotori della petizione popolare, battezzata Ultima spiaggia.

Non si placano le polemiche, dunque, sul progetto di completamento della rete di acqua e fogna lungo la costa della Città bianca. "Sì ai lavori, ma sulla collocazione della stazione di pompaggio a ridosso della spiaggia del Pilone sarà battaglia sino alla fine", spiegano i residenti in agitazione. Al centro dello scontro il progetto definitivo di estensione del Servizio idrico integrato (acqua e fogna) nelle località marine di Rosa Marina, Pilone, Costa Merlata e Monticelli. Le riserve riguardano la collocazione della stazione di pompaggio: impianto necessario per consentire il deflusso dei liquami presso la condotta che confluisce verso l'impianto di Depurazione comunale.

Nonostante la necessità di esecuzione dell'opera, tra villeggianti e bagnanti c'è chi contesta apertamente l'ubicazione dell'impianto di raccolta e sollevamento delle acque nere: "Non si comprende davvero la ragione per la quale l'Aqp abbia ritenuto realizzabile tale Depuratore in un sito di altissima sensibilità ambientale. Infatti tale impianto dovrebbe essere ubicato a qualche metro di distanza dalla spiaggia del Pilone, in prossimità di Torre San Leonardo (monumento storico e protetto come Bene culturale), sul confine del Parco delle Dune costiere Sic, a ridosso della scogliera ed a pochi passi dal bagnasciuga di una delle spiagge più frequentate del litorale ostunese, nel cuore del villaggio turistico ed a poche decine di metri da uno dei Camping più frequentati della costa". Lì dove oggi, il "comitato" spontaneo del No ha avviato la campagna di firme, invitando vacanzieri e bagnanti ad aderire alla protesta. Ed in mille, appunto, avrebbero risposto all'appello, sottoscrivendo il documento col quale si chiede alla Regione di rivedere il sito.

depuratore
firme
Ostuni
petizione
Pilone

Commenti