Gufi e civette curati dalla Provincia tornano in libertà

BRINDISI - Sono stati liberati questa mattina nella riserva naturale del bosco di Cerano gufi, civette e rapaci diurni: curati nel Centro di prima accoglienza della fauna selvatica in difficoltà della Provincia di Brindisi che opera dal 2001 ed è gestito dalla Santa Teresa dal 2007, hanno fatto ritorno alla loro vita naturale, in aree protette.

I gufi rimessi in libertà

BRINDISI - Sono stati liberati questa mattina nella riserva naturale del bosco di Cerano gufi, civette e rapaci diurni: curati nel Centro di prima accoglienza della fauna selvatica in difficoltà della Provincia di Brindisi che opera dal 2001 ed è gestito dalla Santa Teresa dal 2007, hanno fatto ritorno alla loro vita naturale, in aree protette.

Oltre a gheppi e poiane, nel Parco naturale regionale Saline di Punta della Contessa, è stata rilasciata anche fauna selvatica tipica delle zone umide costiere. In particolare un chiurlo maggiore, pochi mesi prima rinvenuto fratturato nello stesso luogo, ha ripreso il volo insieme ad un gabbiano reale e a un porciglione.

Potrebbe interessarti

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

    Notizie di oggi

    • Politica

      Dimissioni in blocco di 17 consiglieri: cade la sindaca di Brindisi

    • Politica

      Seguaci di Fitto all'attacco: traballano le giunte a Ostuni e Carovigno

    • Cronaca

      Dirottata la prima nave, ne arriva un'altra con 476 migranti a bordo

    • Cronaca

      Spacciatore arrestato dopo un inseguimento: sequestrati due involucri di coca

    I più letti della settimana

    • “Majorana, impossibile il trasferimento alla Cittadella”

    • Salvo il Pronto soccorso di Mesagne: chiusura rinviata a data da destinarsi

    • Katia Ricciarelli si esibisce per gli alunni del comprensivo Santa Chiara

    • Giornata nazionale del sollievo: domenica musica al Perrino

    • Giornata della legalità: Cataldo Motta incontra gli alunni della "Kennedy"

    • Corso di formazione sulla “gestione clinica del paziente cirrotico”

    Torna su
    BrindisiReport è in caricamento