"No alla superstrada Montesano-Leuca"

LECCE - L’Udu Lecce in collaborazione con il Consiglio degli Studenti, l'associazione Archès, Spigolature Salentine, Gaia, LeMiriadi49, Save Salento, il Formicaio, il circolo Arci Zei, organizza il convegno "SS 275: La follia storicida di un ecomostro a quattro corsie”, per lunedì 9 gennaio ore 17, presso il Rettorato Università del Salento. L'Udu incontra le 18 associazioni che costituiscono il Comitato NO 275, la Facoltà di Beni Culturali e tutte le realtà territoriali “che credono ad una viabilità propositiva e alternativa al progetto folle che prevede una statale a quattro corsie che vada oltre l'utile allargamento della attuale statale Maglie - Montesano con la distruzione, nel nuovo mostruoso tratto da Montesano a Leuca, di un patrimonio paesaggistico e culturale di incommensurabile valore”.

La locandina del convegno No SS 275

LECCE - L’Udu Lecce in collaborazione con il Consiglio degli  Studenti, l'associazione Archès, Spigolature Salentine, Gaia, LeMiriadi49, Save Salento, il Formicaio, il circolo Arci Zei, organizza il convegno "SS 275: La follia storicida di un ecomostro a quattro corsie”, per lunedì 9 gennaio ore 17, presso il Rettorato Università del Salento. L'Udu incontra le 18 associazioni che costituiscono il Comitato NO 275, la Facoltà di Beni Culturali e tutte le realtà territoriali “che credono ad una viabilità propositiva e alternativa al progetto folle che prevede una statale a quattro corsie che vada oltre l'utile allargamento della attuale statale Maglie - Montesano con la distruzione, nel nuovo mostruoso tratto da Montesano a Leuca, di un patrimonio paesaggistico e culturale di incommensurabile valore”.

“In quella data – dicono gli organizzatori dell’Unione degli Universitari - dimostreremo scientificamente le nostre convinzioni e che le colpe dei nostri predecessori incuranti dell'ambiente per coltivare i propri orti politici non possono ricadere sulle spalle delle future generazioni. Già nel marzo 2010 il consiglio di facoltà sotto la presidenza Guaitoli, espresse unanime il proprio disappunto nei confronti di un’opera che non può che arrecare danno nel suo progetto integrale che prevede la costruzioni di una superstrada anche da Montesano a Leuca”. Ed è questo l’oggetto della “follia storicida”. Sarà Archès a illustrare quali sono i beni storici e paesaggistici che la superstrada metterebbe in pericolo.

“Dalla nostra parte sarà sicuramente la verità della scienza e dello spirito poiché, pronti ad obbedire alla nostra coscienza di studenti e di abitanti del Capo di Leuca, non venderemo mai noi stessi e le nostre radici. Proporremo noi – dicono i promotori del convegno - le alternative vere per una viabilità rispettosa sia di quanto sottratto all’ambiente, sia delle necessità infrastrutturali per uno sviluppo del territorio. Saranno presenti in aula autorevoli personalità che hanno proposto ed attuato altri modelli di sviluppo per il nostro meridione: l’avvocato Luigi Paccione che collaborò per l’abbattimento dell’ecomostro di “Punta Perotti” e il presidente del Gruppo di Azione Locale, già sindaco di Specchia, l’on. Antonio Lia”.

Il programma prevede, dopo i saluti di Ilaria Colazzo, presidente del Consiglio degli Studenti, e di Regina Poso, preside della Facoltà di Beni Culturali, l’introduzione di Giacomo Cazzato dell’Udu, quindi coordinati da Andrea Aufieri, Direttore di "X-News", gli interventi di Vito Lisi, comitato associazioni No SS 275, Antonio Lia, presidente Gal Capo di Leuca, Luigi Paccione, avvocato No 275, Nicola Grasso, docente di Diritto della Costituzione Università del Salento, don Lucio Pompeo Ciado, parroco della comunità di Sant'Ippazio, Luigi Russo, presidente associazione "Coppula Tisa".

In Evidenza

I più letti della settimana

Torna su
BrindisiReport è in caricamento